14-12-2018

Prati di Caprara (Bologna): segnalazione per la Lista Rossa

Indirizzo/Località: quadrante ovest di Bologna – Bologna

Tipologia generale: bosco urbano

Tipologia specifica: vasta area ri naturalizzata vicina al centro urbano di Bologna

Configurazione strutturale: 43 ettari parte a bosco e parte ad area ri naturalizzata

Comprende: dimensioni superiori al principale parco cittadino di Bologna, i Giardini Margherita

Uso attuale: oggi il grande polmone verde per la città, è messo in pericolo da un imponente progetto edilizio che prevede l’abbattimento di tutti gli alberi e la costruzione di un nuovo quartiere

Uso storico: parte: caserma dismessa di cui rimangono parzialmente in uso solo alcuni edifici

Condizione giuridica: area demaniale

Segnalazione: del 6 novembre 2018 – segnalazione del comitato Rigenerazione No Speculazione

Motivazione della scelta: I Prati di Caprara oggi sono un’area demaniale affidata a Invimit Sgr.

Sono divisi tra una zona Est interamente ri naturalizzata, che con i suoi 27 ettari è un bosco urbano di dimensioni superiori al principale parco cittadino di Bologna, i Giardini Margherita, mentre la parte Ovest, di circa 16 ettari, è largamente ri naturalizzata e ospita una caserma dismessa di cui rimangono parzialmente in uso solo alcuni edifici. Il bosco dei Prati di Caprara è stato candidato come luogo del cuore del 9º censimento della campagna del Fondo per l’Ambiente Italiano.

Attualmente il fondo non è accessibile

Il Bosco dei Prati di Caprara, oggi grande polmone verde per la città, è messo in pericolo da un imponente progetto edilizio che prevede l’abbattimento di tutti gli alberi e la costruzione di un nuovo quartiere.

Il comitato Rigenerazione No Speculazione, tra le varie iniziative, ha promosso un percorso partecipato fra i cittadini che ha portato alla creazione di 3 possibili progetti distinti atti a valorizzare il bosco come grande parco urbano.

Attualmente è in corso una serrata controversia con l’amministrazione comunale (che diventerà presto proprietaria dell’area) per evitare la distruzione del bosco e per la sua trasformazione in parco urbano.

Italia Nostra Onlus