News dal territorio

13-09-2018

Restauro degli affreschi di Carlo Ignazio Carloni nella ex chiesa di San Michele all’Arco

Nei giorni 19 e 20 settembre 2018 si procederà alla rimozione dell’impegnativo ponteggio – realizzato dalla ditta BME ponteggi srl – che è stato necessario allestire per poter eseguire il restauro – magistralmente eseguito dalla ditta Baldis Restauri –  del ciclo di affreschi di Carlo Innocenzo Carloni (1687-1775) che decora la cupola e i pennacchi della ex chiesa  di San Michele all’Arco che affaccia su Piazza Vecchia, attualmente emeroteca della Biblioteca Civica Angelo Mai.

La sezione di Bergamo di Italia Nostra, promotrice dei lavori di messa in sicurezza e restauro di questo prezioso ciclo di affreschi è particolarmente soddisfatta per essere riuscita a  salvare dal grave rischio di perdita l’intero ciclo e a riportare alla piena godibilità – nei limiti di un corretto restauro- un tassello prezioso del patrimonio artistico della città, ringrazia tutti coloro che hanno reso possibile l’iniziativa grazie al loro sostegno: Assessorato alla cultura del comune di Bergamo, Fondazione Banca Popolare di Bergamo, Fondazione della Comunità Bergamasca, FGS spa, Robur spa, Proj-eco srl, Grumello Servizi Assicurativi, Ristorante da Mimmo, Associazione Amici della Angelo Mai e i moltissimi soci e simpatizzanti di Italia Nostra che hanno voluto rispondere al nostro appello e  essere partecipi con una donazione.

Ringrazia per la collaborazione don Fabio Zucchelli, la dot.sa Laura Paola Gnaccolini, la dott.ssa Elisabetta Manca, l’ing. Giulio Pandini, i prof.ri Giovanni Villa e Gianluca Poldi  del Centro Studi Arti Visive dell’Università di Bergamo, il prof. Roche e gli studenti della Scuola Fantoni, la prof. Maria Grazia Recanati, Alfredo Gambardella, l’arch. Angelo Brena, il geom. Duilio Rota e l’arch. Serena Longaretti,

Diamo a tutti appuntamento nel mese di ottobre in occasione di un’apertura straordinaria della ex chiesa,  di una mostra e della proiezione di un filmato realizzato da Sara Rossi che documenteranno il lavoro  eseguito.

Italia Nostra  ritiene tuttavia opportuno far presente all’ente preposto alla manutenzione dell’edificio l’urgenza di predisporre, oltre a un controllo programmato e frequente della copertura (purtroppo a causa delle  infiltrazioni d’acqua meteorica l’intero affresco che decora un dei quattro  pennacchi è andato irrimediabilmente perduto), la messa in opera di un minimo impianto di deumidificazione onde evitare di vanificare nel giro di breve tempo il lavoro fin qui eseguito.

Per saperne di più: http://www.italianostrabergamo.org/documents/La_proposta_di_ItaliaNostra.pdf

Italia Nostra Onlus