Nazionale

23-11-2020

Salviamo il Porto Lido di Trieste e l’area della Lanterna dalla costruzione di un grande acquario

Italia Nostra e Lega Navale: meglio spazi per scuole nautiche, centro di mereologia e rimessaggio

L’associazione Italia Nostra e la Lega Navale già da alcuni anni hanno avanzato proposte alternative al Parco del mare, proposte che sono state presentate ufficialmente agli enti competenti. Considerato il particolare momento legato alla pandemia, in cui le categorie economiche della città hanno bisogno di concreti sostegni, e che la stessa città attende da molte tempo una soluzione per il problema della piscina terapeutica, sicuramente il Parco del mare è un lusso che attualmente non ci possiamo premettere. Considerata inoltre la carenza di spazi destinati ai ragazzi, la Lega Navale e Italia Nostra, in periodi differenti, avevano proposto dei progetti per il riutilizzo dell’area di Porto Lido, sempre nel rispetto dell’ambiente costiero e dell’identità storica del sito. L’intervento previsto per il Parco del mare va invece a stravolgere l’identità storica del sito e le aspettative della città per gli sport nautici e la cultura del mare.

La Lega Navale aveva già presentato non solo l’istanza di concessione ma anche un progetto ben definito che comprendeva una scuola di vela d’altura, attrezzature operative e didattiche, stazione meteorologica nautica, officine di rimessaggio (aspetto che rievoca la storica vocazione dell’area già sito del cantiere Navalgiuliano, di cui esistono ancora in loco lo scalo e alcune strutture), e un luogo di ristoro. Il tutto coniugato a favore dei giovani, così come la proposta di Italia Nostra. Partendo dalle ricerche archivistico-documentare e dalla conoscenza delle attività storiche e dei vincoli culturali e archeologici del molo Fratelli Bandiera, della Lanterna e dell’area di “Porto Lido”, e tenendo conto delle prescrizioni paesaggistiche, territoriali, urbanistiche e ambientali, aveva già presentato ufficialmente nel 2018 al presidente della Camera di commercio Antonio Paoletti e alle istituzioni una proposta, alternativa al Parco del mare, con costi decisamente ridotti per la sua realizzazione, proposta polifunzionale, ecosostenibile e innovativa: Il parco della navigazione storica dell’Adriatico. In questa ottica sono già pronte alla collaborazione le sezioni di Italia Nostra e della Lega Navale che hanno sede non solo nelle città dell’Adriatico ma anche quelle con sede in città che non si affacciano sul mare e che peraltro svolgono un’intensa attività legata alla vela e alla navigazione storica.

Le proposte di Italia Nostra e della Lega Navale coniugano un interesse comune sugli spazi educativi e ricreativi per i giovani, per le persone con disabilità e per il turismo culturale, come avviene nei porti del Nord Europa (es. imbarcazioni e navi d’epoca restaurate e naviganti). Come avviene, ad esempio, a Danzica, dove i ragazzi possono sperimentare i diversi aspetti della vita di mare, caricare le merci su un veliero, manovrare modelli di barche in una piscina interattiva. E ancora, attraverso simulatori, guidare un sottomarino, partecipare all’evacuazione di una nave e svolgere tante altre attività coinvolgenti, divisi per fasce di età.

Nello specchio acqueo di Porto Lido potrebbero quindi essere ormeggiati antichi velieri e imbarcazioni storiche, con la possibilità di effettuare escursioni nel golfo o di affittarle per eventi pubblici e privati, nonché di ospitare a bordo mostre a carattere marinaro, oltre ad attività nautiche e corsi di formazione riguardanti la cultura e lo sport del mare, considerata la presenza nella Sacchetta di numerose società veliche e remiere. Tutto ciò recuperando la qualità urbanistica e l’identità del luogo, alquanto compromessa da un eccesso di edifici eterogenei.

Le proposte non prevedono inoltre elementi aggiuntivi estranei, ma saranno coniugate ad altri interventi di riqualificazione dell’area della Lanterna e dell’area di trasformazione urbana di Campo Marzio; diventerà quindi un elemento che si collegherà in modo armonico alle Rive e al Porto Vecchio e sarà di completamento alle aree storiche di balneazione e sport.

 

LEGA NAVALE TRIESTE – Pierpaolo Scubini – presidente

ITALIA NOSTRA TRIESTE – Antonella Caroli – presidente

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus