Nazionale

23-07-2020

Sequestro definitivo del Salaria Sport Village: Italia Nostra protagonista di questa battaglia

Con grande soddisfazione Italia Nostra Roma apprende la confisca definitiva del Salaria Sport Village il maggior scandalo delle opere dei Mondiali di Nuoto.

Italia Nostra Roma contestò subito il progetto che si insediava in una area esondabile del Tevere dove non erano ammesse costruzioni permanenti ed inoltre soggetta a vincolo paesaggistico.

L’Associazione venne contattata dal Consigliere municipale, Riccardo Corbucci che insieme a un Comitato di cittadini chiese di fare un ricorso al TAR e un esposto alla Procura di Roma fornendo il finanziamento raccolto in una sottoscrizione per un avvocato.

Il Presidente nazionale di Italia Nostra di allora, Giovanni Losavio accettò subito di sostenere ambedue gli atti che preoccuparono fortemente tutti i protagonisti della vicenda come risulta dalle intercettazioni rese pubbliche dalla stampa dopo lo scandalo.

Ora questo Centro Sportivo, il più grande d’Italia e secondo in Europa viene affidato allo Stato e per Italia Nostra Roma deve rimanere di sua proprietà e non ceduto a Regione o Comune che in questi ultimi anni hanno venduto a privati numerosi Beni pubblici anche soggetti a vincoli culturali e paesaggistici.

Per questo particolare bene divenuto pubblico, che costituisce un esempio straordinario di vittoria sulla sempre più diffusa corruzione, Italia Nostra Roma pretende che sulla futura gestione venga informata e consultata sia la nostra Associazione che insieme anche i cittadini del Municipio, gli unici a denunciare e a sostenere il bravo magistrato della Procura che non ha archiviato l’esposto me ha proseguito l’indagine che aveva aperto.

Una parte delle tante strutture del Centro deve essere utilizzata gratuitamente dai cittadini del Municipio e l’area rimasta libera destinata a parco pubblico da mettere in sicurezza da futuri  probabili allagamenti.

Italia Nostra Roma

DANIELE SCUDIERI

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus