Italia Nostra

Data: 30 Maggio 2017

Oratorio dell’Arciconfraternita dei Cinturati a Penne: segnalazione per la Lista Rossa

Indirizzo/Località: Via Sant’ Agostino –  Penne (Pescara)

Tipologia generale: edificio di culto

Tipologia specifica: oratorio

Configurazione strutturale: l’Oratorio dell’Arciconfraternita dei Cinturati (Madonna della Ss. Cintura) è sito in Penne in Via Sant’Agostino ed è attiguo al complesso monastico, chiesa e convento, di Sant’Agostino

Epoca di costruzione: sec. XIX

Uso attuale: l’Oratorio, chiuso al culto da tempo, era stato utilizzato come deposito del vecchio Seminario Diocesano

Uso storico: elegante Oratorio fatto costruire dalla più antica confraternita di Penne

Condizione giuridica: bene di proprietà ecclesiastica

Segnalazione: del 13 febbraio 2017 – segnalazione dalla Sezione di Penne di Italia Nostra – penne@italianostra.org


Motivazione della scelta: 
La Confraternita dei Cinturati, una delle più antiche confraternite di Penne ed estintasi sul finire degli anni ’60 del secolo scorso, fece realizzare nel 1863 l’elegante Oratorio al posto di un precedente edificio di culto (alcuni documenti parlano del vecchio oratorio settecentesco) sempre di sua proprietà. Il progetto fu eseguito dall’architetto Federico Dottorelli di Penne, autore anche di altri importanti edifici, come la fontana monumentale dell’Acquaventina, la chiesa di San Nicola di Bari e il campanile della chiesa della Santissima Annunziata. L’impianto tipologico è costituito da un’unica navata con volta a botte lunettata decorata da preziosi stucchi ottocenteschi attribuiti a Francesco Paolo Evangelista, artista poliedrico, conosciuto anche con il nomignolo di “Sansonetto”.

Nell’Oratorio erano esposte 12 tele ad olio, opere del pittore Salvatore Colapietro databili alla seconda metà del XIX secolo, che raffiguravano i dodici apostoli. Degna di segnalazione era anche la statua, una conocchia tardo settecentesca, della Vergine della Cintura, con Bambinello e prezioso basamento ligneo intagliato e dorato.

Nel mese di agosto 2012 le 12 tele ed anche il Bambinello, il basamento e le corone di metallo argentato, che ornavano il capo della Vergine e dello stesso Bambinello, furono trafugate dalla malavita organizzata. Italia Nostra Sezione di Penne prontamente espose denuncia al locale Comando-Compagnia Carabinieri, il quale avviò le indagini supportate dalle fotografie delle tele, della statua della Vergine e di altre suppellettili sacre, che la stessa Sezione aveva scattate precedentemente. Purtroppo a tutt’oggi la refurtiva non è stata ancora rintracciata.

L’Oratorio, chiuso al culto da tempo, era stato utilizzato come deposito del vecchio Seminario Diocesano. Non essendo stato mai oggetto di opere di manutenzione ordinaria, a causa degli agenti atmosferici ha subito gravi danni alle strutture di copertura. Oggi il tetto appare quasi completamente distrutto e l’apparato decorativo in stucco dell’intradosso della volta sottostante sembra gravemente danneggiato. Ulteriori danni sono stati provocati dalle scosse sismiche del 30/10/2016 e del 18/01/2017.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra