Italia Nostra

31 Agosto 2017

Cerimonia della terza edizione del Premio Zanotti Bianco a Crotone

“Contro le molte manifestazioni di inciviltà fermenta oggi un’ansia di rivolta, alimentata di quanto ha di meglio la nostra cultura”. 

Quanto mai attuali le parole di Umberto Zanotti Bianco, primo presidente nazionale e cofondatore di Italia Nostra, in questo periodo storico ed in particolare nella nostra regione, la Calabria, per il cui riscatto egli aveva profuso tante energie e passione civile.

Per singolare coincidenza, il Premio Zanotti 2017 -terza edizione- è stato assegnato il 28 agosto scorso ad un altro meridionalista del nord, il sociologo Andrea Pesavento, autore di numerosi saggi e ricerche storiche sul territorio crotonese e sulla Calabria. Anch’egli, come Zanotti, settentrionale di nascita (Rovereto), ma crotonese di adozione per scelta e per  impegno culturale profuso nei suoi approfonditi ed innovativi studi, che hanno aperto la strada a tanti altri giovani (e non solo) per i quali è stato ed è ancora oggi guida sicura e generosa.

La cerimonia di consegna del Premio, organizzata dalla sezione, presente al completo con il direttivo, si è tenuta nel Parco Zanotti, inaugurato nel 2007 a trent’anni di distanza dall’avvio-(1977)- del progetto di educazione ambientale nelle scuole, protagonisti gli studenti di Italia Nostra, per trasformare alcune aree del centro urbano, degradate ed incolte, in giardini. A distanza di 40 anni, quella che sembrava un’utopia è diventata realtà.  E non solo per parco Zanotti. Grazie al volontariato, che Zanotti sosteneva ed incoraggiava,…(il volontariato come scelta morale di vita per un’ azione libera e senza compromessi) gli alberi e le piante del parco, un’oasi urbana, con la loro ombra e frescura hanno offerto una cornice ideale  ai partecipanti alla cerimonia del Premio. Molto ammirata la Targa per il vincitore del Premio, opera in cristallo ed argento, creazione artistica del maestro orafo Michele Affidato, socio onorario nazionale di Italia Nostra, Targa consegnata dal vicesindaco della città presente insieme all’assessore al Verde pubblico ed a tanti cittadini.

Tra gli intervenuti, Luigi De Falco della Giunta nazionale Italia Nostra, che ha offerto spunti interessanti al dibattito sull’attualità di Zanotti  come Paola Puma, docente dell’Università di Firenze, una crotonese che non ha mai dimenticato la sua città.  Molto apprezzato il riferimento di entrambi alla necessità che i giovani diventino protagonisti della vita “politica e culturale” della città, sollecitati in tal senso dalle Istituzioni e dalle associazioni culturali.

Da tanti anni, dal 1975, Italia Nostra a Crotone  si impegna a collaborare con le scuole per progetti educativi finalizzati a sensibilizzare giovani ed i cittadini alla responsabilità nei confronti dell’ambiente in cui viviamo-la nostra casa comune- oltre che a far conoscere la nobile figura di Zanotti, un modello di vita e di azione per tutti. Memorabile la sua esortazione…”ci vogliono spiriti attivi, gente che non pensi solo bene, ma che agisca bene”. La sua vita generosa spesa per il riscatto sociale culturale e politico della Calabria e del meridione d’Italia nella prima metà del XIX secolo testimonia quanto ancora oggi si debba operare, a tutti i livelli,  per una maggiore coesione sociale tra i cittadini e tra le Istituzioni,  per una più attenta cura dell’ambiente, (ciascuno a misura della propria responsbilità)  adottando il principio di precauzione, affinchè non si verifichino più quegli eventi dolorosi come i devastanti roghi che in poco tempo stanno distruggendo un patrimonio forestale e di biodiversità straordinari, come nel parco nazionale della Sila ed  in altri siti protetti.

Dagli interventi del direttivo di Italia Nostra e del Gruppo Archeologico Krotoniate un forte appello per la vigilanza attiva del patrimonio naturale e paesaggistico della Calabria e per la vicinanza a tutti coloro che, a vario titolo, sia nelle Istituzioni che tra i volontari, operano con sacrificio e senso di responsabilità per porre un argine a tali roghi.

La conclusione dell’incontro nel segno della collaborazione positiva tra volontariato ed Istituzioni, l’Amministrazione Comunale di Crotone: attraverso le immagini della mostra fotografica che Italia Nostra, in collaborazione con Pantagruel e GAK, aveva presentato il 13 maggio scorso in occasione della Giornata nazionale dei Beni Comuni all’interno dell’orto botanico del Baluardo di San Giacomo, un’area degradata adottata per essere riqualificata e restituita alla fruizione dei cittadini ed in particolare dei bambini delle scuole primarie del quartiere, trasformati in aspiranti giardinieri alle prese con la piantumazione degli alberelli da frutta portati in dono.

Infine, Italia Nostra ringrazia tutti coloro che, tra i partecipanti alla cerimonia, hanno offerto dei contributi per l’acquisto di nuove pianticelle di ulivo da mettere a dimora nell’orto botanico. Nel nome e nel ricordo di Zanotti!

 

Teresa Liguori

***

alcune immagine dell’evento:

la targa:

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy