Italia Nostra

Data: 19 Novembre 2012

Crotone, cerimonia in ricordo delle vittime del 16 novembre 1989

Italia Nostra: onoriamo le vittime dell’incidente ferroviario facendo “rivivere”

la linea  ferroviaria  jonica!

A distanza di  23 anni dal tragico incidente ferroviario che ha causato 12 vittime, tra personale di macchina e viaggiatori,  lo spazio antistante la stazione ferroviaria è stato intitolato piazza “16 novembre 1989”. Per non dimenticare il sacrificio delle sette docenti e dei 5 ferrovieri scomparsi!

L’intitolazione, proposta nel 2009 dalla sezione crotonese, che ha sempre tenuto vivo il ricordo di quella giornata,  era approvata con delibera dall’Amministrazione Comunale nel giugno 2010.

La cerimonia, fortemente voluta da Italia Nostra in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, è stata molto partecipata  anche per la presenza di alcuni familiari delle vittime,  delle autorità, dei soci, di delegazioni di ferrovieri.

Sono intervenuti  il Vice Sindaco  Cortese,  l’assessore alla Viabilità Stabile ed il dirigente di R:F.I. Domenico Richichi

A Maria, figlia di una delle vittime, Carmelina Pistoia, il compito di scoprire  a targa insieme al padre, Pietro Amelio, ed allo zio di Loredana Gentile, altra vittima dell’incidente-

Maria non ha mai conosciuto la mamma, avendo solo 13 mesi di vita all’epoca della tragedia, ma oggi, da giovane laureata, ha sentito la solidarietà della  comunità crotonese, profondamente segnata da quella giornata dolorosa, come ha dichiarato il vicesindaco Cortese- L’assessore ai trasporti ha confermato l’impegno fattivo dell’Amministrazione per ottenere Il ripristino dei collegamenti con il resto del Paese.

Altra presenza significativa quella di Francesco, tra i competenti ed entusiasti fondatori del blog Ferrovieincalabria, che ha portato il suo messaggio di solidarietà alle famiglie delle vittime e di vicinanza all’associazione.

La cerimonia, semplice e toccante, ha offerto l’occasione per dialogare “a più voci” sulle gravi conseguenze causate dall’isolamento del territorio crotonese e di tutta la fascia jonica, a causa della soppressione dei treni a lunga percorrenza e della riduzione del traffico locale: i cittadini, privati di un diritto fondamentale, sancito dalla Costituzione Italiana, quello della mobilità, devono prendere coscienza che la situazione è arrivata ad un binario morto e che non si può restare indifferenti davanti a tanto squallore, con il rischio che la stazione ferroviaria chiuda i battenti e che l’area dell’ex scalo merci, una volta ricca di vitalità,  venga s-venduta per destinazioni diverse-

Italia Nostra invita l’Amministrazione Comunale, che si è dimostrata sensibile al problema, a voler aderire,  come tanti altri comuni, alla class action contro Trenitalia insieme a numerosi  cittadini, della fascia jonica, così da ottenere, creando una rete di dialogo e di collaborazione,  il ripristino dei collegameni ferroviari.

Crotone, 19 novembre 2012

Teresa Liguori

Presidente di sezione

Rassegna stampa

Guarda il video

_______________________________________________

Cerimonia a ricordo delle vittime dell’incidente ferroviario

Crotone  Piazza 16 Novembre (già piazzale Stazione) ore 12.00

Sono trascorsi 23 anni dal tragico incidente ferroviario del 16 Novembre 1989 che ha causato 12 vittime, tra personale di macchina e viaggiatori.

Per ricordare le vittime, Italia Nostra, in collaborazione con l‘Amministrazione Comunale  (assessorato Viabilità e Toponomastica), ha organizzato per venerdì 16 novembre 2012 alle ore 12 l’inaugurazione di una targa di marmo sulla parete della stazione ferroviaria con la denominazione di piazza 16 novembre e  la posa di una corona di fiori.

L’intitolazione di  “Piazza 16 novembre” era stata proposta nel 2009 da Italia Nostra ed approvata con delibera dall’Amministrazione Comunale nel giugno 2010.

L’associazione porterà avanti, insieme ad altre associazioni e movimenti, altre iniziative per il potenziamento delle linee ferroviarie joniche, anche per rendere finalmente giustizia a quelle vittime innocenti e per contribuire a dotare gli abitanti della costa jonica della Calabria di una linea ferroviaria degna del XXI secolo.

Crotone, 15 Novembre 2012

Teresa Liguori

Crotone, 16 Novembre 2009

Comunicato stampa del Comune di Crotone

Associazione ItaliaNostra sezione di Crotone

Cosa è cambiato da allora ad oggi? Nonostante il sacrificio di tante vittime innocenti, le condizioni della rete ferroviaria jonica  sono diventate ancora più gravi  per via del taglio dei treni locali e nazionali, che hanno portato ad un isolamento da infrastrutture insopportabile.

E’doveroso che le Istituzioni ad ogni livello nazionale e regionale  decidano concretamente, a distanza di 23 anni, dopo tanti convegni e tavole rotonde, di impegnarsi per rendere finalmente giustizia a quelle vittime innocenti e per fornire agli abitanti della costa jonica della Calabria una linea ferroviaria degna del XXI secolo.

Foto della cerimonia


_______________________________________________

ADESIONE ALLA CLASS ACTION PER IL RIPRISTINO DEL SERVIZIO FERROVIARIO IN CALABRIA

La sezione di Italia Nostra segue da tempo con impegno costante la  difficile situazione del trasporto ferroviario in Calabria ed in particolare nella linea ferroviaria jonica, ormai quasi del tutto dismessa, nonostante le numerose proteste di cittadini e movimenti.

Tra le tante iniziative di sensibilizzazione delle istituzioni e della popolazione, l’associazione ha deciso di  aderire alla raccolta di firme per una class action contro Trenitalia, promossa alcuni mesi fa dall’avvocato Maria Cecilia Gerace di Siderno.

La legge prevede infatti la possibilità di intervenire nel giudizio per sostenere l’azione,  ma soltanto se ci saranno adesioni da tantissimi cittadini e da loro rappresentanti istituzionali si potrà raggiungere il risultato di riavere il servizio pubblico .

L’iniziativa è finalizzata ad ottenere il ripristino  del servizio pubblico  ferroviario a lunga percorrenza  tra la Calabria e le regioni del centro e del nord,  il cui taglio ha portato ad un isolamento davvero insostenibile. Il non riconosciuto diritto alla mobilità penalizza lo sviluppo socio-economico del territorio.

La sezione di Crotone invita il Comune di Crotone a voler aderire alla class action, come hanno già fatto numerosi altri comuni del versante jonico calabrese.

Chiunque voglia aderire, compilando un modulo con i propri dati, potrà rivolgersi alla sezione di Crotone oppure può inviare un’email al seguente indirizzo: trenialsud@virgilio.it. Tel: 3471782139.

Crotone, 15 novembre 2012

Teresa Liguori

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra