Italia Nostra

Data: 29 Ottobre 2018

Crotone: Comunicato stampa Paesaggi Sensibili 2018 “Paesaggio Violato”

Campagna nazionale di  Italia Nostra “Paesaggi Sensibili” 2018: PAESAGGIO VIOLATO: LE MURA DI CINTA URBICHE DEL CASTELLO-FORTEZZA CON L’ORTO BOTANICO, FINO AL MARE”

Grazie ad una pausa di bel tempo, dopo tanti giorni di intense piogge, la manifestazione dei Paesaggi Sensibili si è svolta regolarmente con la partecipazione di numerosi allievi della scuola elementare “Principe di Piemonte” oltre che dell’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune, di abitanti del quartiere e di soci delle associazioni Italia Nostra e Gruppo Archeologico . Nel discorso di benvenuto ai partecipanti,  la presidente della sezione ha spiegato le motivazioni dell’ adesione alla Campagna nazionale dei Paesaggi Sensibili, riferendosi in particolare al Paesaggio “Violato” delle Mura di cinta del Castello-fortezza che, attraverso l’Orto Botanico, arriva fino al mare, la cui vista è impedita dallo scempio urbanistico-perpetrato in anni lontani- che ha profondamente alterato la fisionomia dell’antico borgo marinaro. Consapevoli che la conoscenza sia alla base del rispetto e della cura nei confronti del Patrimonio comune,  si  è  fatto notare agli scolari  il contrasto tra le Mura imponenti  che si stagliano sull’Orto botanico e gli edifici moderni  che formano una cortina impattante a poca distanza, impedendo la vista al mare.  I bambini hanno percepito, istintivamente,  l’offesa alla bellezza del  sito,  sensazione confermata dalla visita didattica, guidata da Antonello,  alla mostra fotografica sulle  Mura di cinta del Castello-Fortezza, sui monumentali Stemmi Imperiale e Vice-Regnale e su altri rilevanti Beni Culturali del centro storico. Gli stessi scolari, protagonisti dell’evento,  hanno  poi osservato da vicino le essenze aromatiche e medicinali che i volontari Pino Alessandro Doriana con Tonio ed altri curano con generosità, competenza e passione.    Lo stesso  Pino ha fatto da guida nel percorso naturalistico con gli allievi, interessati a percepire ed a distinguere gli odori ed i profumi delle varie essenze. Una lezione di botanica all’aperto che si ripeterà in futuro, come è avvenuto in altre iniziative culturali organizzate dall’associazione.  Finalità dell’ideazione e creazione del giardino botanico, infatti, oltre che di riqualificare un’area degradata del quartiere situato nel centro storico restituendola alla fruizione degli abitanti, è proprio quella di rispondere ad una funzione didattica per le scuole, così da offrire percorsi di educazione ambientale e di formazione culturale alle giovani generazioni, preparandole  a diventare cittadini attenti e sensibili.

Crotone, 29 ottobre 2018

Associazione Italia Nostra sezione di Crotone

La Costituzione considera la difesa del Paesaggio… “come forma di tutela della persona umana nella sua vita, sicurezza e sanità, con riferimento anche alle generazioni future, in relazione al valore estetico-culturale”. Tale valore “primario ed assoluto” è “insuscettibile di essere subordinato a qualsiasi altro”.   (Corte Costituzionale, ordinanza n.46 del 6 marzo 2001)

***

APPROFONDIMENTO STORICO

Il Castello-Fortezza  sorge sul sito dell’antica acropoli crotoniate. Di quella rocca fortificata si hanno le prime notizie nell’840 d.C. Nell’XI secolo figura tra i 75 castelli dei vassalli di Ruggero II; nel secolo seguente Federico II di Svevia lo fortifica insieme al porto della città. Viene poi ampliato da Alfonso d’Aragona alla fine del XV secolo; successivamente, don Pedro da Toledo, vicerè di Carlo V, fa potenziare le Mura di cinta ricorrendo all’opera di grandi architetti ed ingegneri militari (Antonello da Trani, Giovanni Buzzacarino, Gian Giacomo D’Acaja ed altri).

Per numerosi secoli l’ imponente presidio fortificato tiene sotto controllo le incursioni della pirateria e dei turchi  via mare  e via terra, svolgendo un ruolo primario nel sistema difensivo della città, di grande importanza strategico-militare ed architettonica.  Con il passare dei secoli, attraverso molte vicissitudini, una serie infinita di distruzioni per mano degli uomini e per terremoti, di utilizzazioni improprie ed improvvide (come prigione, base militare, abitazioni abusive…) oltre a stravolgere l’aspetto del manufatto, hanno privato di decoro, dignità e prestigio il Castello-fortezza, straordinario esempio dell’evoluzione storica dell’architettura militare dalla difesa piombante (torri) alla difesa radente (bastioni).

Arrivando agli anni ’80 del secolo scorso, alcune associazioni, preso atto dello stato di degrado e di abbandono del monumento, hanno deciso di opporsi a tanto vergognoso scempio. Italia Nostra e GAK insieme al Centro Servizi Culturali hanno così deciso di intervenire con lettere, appelli ed una interessante mostra fotografica, per denunciare alle Istituzioni competenti (in primis, l’Amministrazione Comunale ed il Ministero dei Beni Culturali) l’abbandono della struttura, in condizioni precarie, sottolineando l’urgenza di  fermare al più presto l’intollerabile degrado. Da allora in poi, con il passare degli anni, l’intervento mirato al consolidamento ed al restauro conservativo del Bene è proseguito grazie a dei finanziamenti ministeriali.    In questi ultimi anni si sente l’esigenza di una manutenzione costante di tutto il manufatto. Ed è proprio questa attenzione e cura continua che le due associazioni hanno chiesto alle Autorità nel corso di numerose iniziative, di cui questa dei “Paesaggi Violati” presso l’Orto Botanico del 27 Ottobre 2018 è  la più recente. Italia Nostra e Gak rinnovano quindi l’appello alle Istituzioni responsabili per la tutela e salvaguardia delle Mura di cinta del Castello-Fortezza e del Paesaggio urbano che, attraverso l’Orto* Botanico situato nella scarpata sottostante le Mura, arriva fino al mare, la cui vista è impedita dallo scempio urbanistico -perpetrato nel tempo- che ha alterato il Paesaggio  di quello che era il borgo marinaro della città.

 * Orto Botanico – Orto di piante aromatiche e medicinali- è un progetto ideato ed elaborato dall’agronomo Armando Lia per Italia Nostra e realizzato con  finanziamento del Comune di Crotone. L’area verde, (già Orto Candela) una volta in forte degrado, situata nella scarpata del Bastione S.Giacomo e del Bastione S.Caterina, dal marzo 2017 curata e ben tenuta grazie al lavoro generoso ed  assiduo di alcuni volontari di Italia Nostra (Pino, Alessandro, Doriana, Tonio ed altri),  ha contribuito a riqualificare il quartiere, restituendo decoro al sito storico ed acquisendo nuove opportunità, da potenziare nel tempo, grazie alla funzione didattica per le scuole oltre che alla funzione sociale come luogo di aggregazione.

Teresa Liguori
Vice Presidente Nazionale Italia Nostra

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra