Italia Nostra

Data: 21 Giugno 2022

E io pago!

 

Il comune di San Nicola Arcella  non intende pagare i danni causati al  Palazzo dei Principi Lanza di Trabia e per questo si è opposto al pagamento  della Cartella di riscossione  recapitata da parte dell’Agenzia delle Entrate  di € 58.927,15, somma quantificata dai tecnici dell’ Agenzia del Demanio  per il ripristino  dello stato manutentivo e conservativo dell’immobile.

La cosa ci sembra alquanto strana in quanto  la cattiva gestione  dell’immobile storico è sotto gli occhi di tutti ed Italia Nostra, insieme all’Associazione Amici di San Nicola Arcella, ha per anni, con interventi, articoli, e foto,  evidenziato l’abbandono ed il degrado a cui il Palazzo in tutti i suoi ambienti è stato sottoposto.

In uno di questi interventi  scrivevamo: “ Ciò che ci ha colpito ed indignato è che, ad esempio, nemmeno di fronte alle segnalazioni di balconi aperti e vetri frantumati, con l’esposizione all’azione distruttiva del vento e della pioggia,  nulla si è fatto, almeno per chiuderli, per evitare danni”. Talché in un altro intervento abbiamo dovuto parlare  di un vero e proprio “ mancato soccorso”.

La realtà è che invece di essere valorizzato e tutelato il Palazzo dei Principi  è stato abbandonato e lasciato nell’incuria e nel degrado.

Del resto nell’atto di risoluzione dell’accordo di Valorizzazione del 2013 è lo stesso sindaco pro tempore  a sottoscrivere  che il comune di San Nicola Arcella “non si è trovato in condizioni di tener fede agli impegni assunti  con la sottoscrizione  dell’Accordo di Valorizzazione, di promuovere azioni per migliorare l’offerta culturale del Territorio,di conservazione e manutenzione del Palazzo dei Principi Lanza di Trabia per sopravvenute esigenze  di carattere finanziario”. Più chiaro di così!

Italia Nostra insieme agli “Amici di San Nicola Arcella” per tre anni  ha denunciato una situazione insostenibile  fino a quando il bene è stato restituito  all’Agenzia del Demanio. Ora è giusto che  qualcuno ne risponda. Ma a pagare di tasca propria  non dovrebbero essere  i soliti cittadini incolpevoli  sui quali ricadrà il costo della Cartella di pagamento ( “..e io pago! “ direbbe Totò) ma chi aveva la responsabilità di custodire e proteggere al meglio questo patrimonio collettivo e non lo ha fatto.

Forse la Corte dei Conti dovrebbe aprire un fascicolo a riguardo.

Italia Nostra Sezione Alto Tirreno Cosentino

21 giugno 2022

Foto del Palazzo in vari momenti.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra