Italia Nostra

Data: 17 Giugno 2022

Impianti di depurazione sotto tutela: si corre ai ripari

 
________________________________
ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA N. 10 DEL 16 GIUGNO 2022-06-16
________________________________
IL CORAP (CONSORZIO REGIONALE PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE) SOVRINTENDERÀ ALLE ATTIVITÀ GESTIONALI DEI SOGGETTI CONCESSIONARI DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI SAN NICOLA ARCELLA , BELVEDERE MARITTIMO, SANGINETO E DI ALTRI COMUNI DELLA COSTA TIRRENICA.
___________________________________
RIPRENDIAMO DALL’ORDINANZA.
____________________________________________
La Regione Calabria tra il 18/01 e il 10/06/2022, ha condotto un’indagine conoscitiva nell’ area marino costiera tirrenica calabrese compresa tra Tortora e Nicotera, con l’effettuazione di sopralluoghi congiunti tra Regione, ARPACal e Amministrazioni Provinciali presso alcuni impianti di proprietà comunale che effettuano il trattamento delle acque reflue urbane.
L’indagine ha riguardato la gestione dei fanghi di depurazione ed è proseguita con la rilevazione delle caratteristiche di funzionalità degli impianti, con particolare riguardo alle sezioni impiantistiche che operano i trattamenti sulle acque reflue e allo stato di funzionamento delle stazioni di sollevamento del refluo collettato.
Per gli impianti dei Comuni di San Lucido, Ricadi, Fuscaldo, Pizzo, Tropea, San Nicola Arcella, Belvedere Marittimo, Guardia Piemontese, Sangineto, Belmonte Calabro, Parghelia, Zambrone e Briatico, è stato accertato il mal funzionamento di sezioni impiantistiche deputate alla depurazione delle acque reflue con la conseguente compromissione del processo di trattamento e con conseguente pericolo per la salute umana e per l’ambiente.
Per i sopra elencati impianti di depurazione le criticità gestionali individuate determinano la necessità di un intervento immediato e tempestivo in termini di sostituzione dei soggetti ordinariamente competenti al fine di garantirne la corretta gestione.
Lo stato dei luoghi, originato dalla inadempiente gestione delle infrastrutture fognarie e depurative, impone il predetto intervento immediato, onde rimuovere l’attuale pericolo per la salute pubblica e ingenti danni all’ambiente, potendo comportare una potenziale CATASTROFE SANITARIA che occorre in tutti i modi prevenire;
La eccezionale situazione di pericolo per la salute pubblica non è diversamente fronteggiabile se non attraverso l’adozione di misure di carattere straordinario e derogatorio, e al fine di scongiurare l’insorgenza di situazioni di pericolo per la salute umana e per l’ambiente, viene individuato il CoRAP per sovrintendere alle attività gestionali dei soggetti concessionari degli impianti in questione con il compito di vigilare sul regolare svolgimento delle attività finalizzate alla corretta depurazione delle acque reflue e di predisporre e attuare gli interventi per assicurare l’ottimale funzionamento delle sezioni impiantistiche deputate alla depurazione dei sopra elencati impianti, nonché attivare le occorrenti iniziative acquisitive dei dispositivi all’uopo necessari.
Il CoRAP sovrintenderà fino al 30 settembre 2022 alle attività gestionali dei soggetti concessionari degli impianti e predisporrà ed attuerà gli occorrenti interventi per assicurare l’ottimale funzionamento delle sezioni impiantistiche deputate alla depurazione dei citati impianti.
 
Italia Nostra ritiene che bisogna affrontare la situazione della depurazione guadando in faccia alla realtà senza nulla nascondere o tacere.Il ruolo svolto dalle Associazioni di denuncia e di sensibilizzazione e di formazione di un opinione pubblica non più disposta ad accettare passivamente questo stato delle cose, è stato ed è importante per determinare i potere pubblici ad assumere questi provvedimenti che certamente non sono risolutivi del problema essendo necessari interventi strutturali che non possono più tardare. Ed in questo, il senso di responsabilità da pretendere dalle istituzioni pubbliche ed il ruolo delle Associazioni ambientalisti e dei cittadini attivi e determinati svolgono un ruolo decisivo.
 
16 Giugno 2022.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra