Italia Nostra

Data: 8 Luglio 2014

La Provincia di Catanzaro esclusa dagli “Itinerari Turistici” regionali

La delegazione di Italia Nostra  di Catanzaro, in data 2 luglio 2014, si è recata a Lorica, presso la Sede dell’ Ente Parco Nazionale della Sila per partecipare ad un incontro promosso dal Dipartimento del Turismo Regione Calabria su un progetto di realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo naturalistico, storico e religioso. Si tratta di un progetto interregionale d’eccellenza tra Regione Calabria e Regione Sicilia, ai sensi della legge 296 /2006 art.1 comma 1228, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Calabria Dip. 12 Turismo Sport Spettacolo e Politiche giovanili, nell’ambito del PON “2006-2013” che è in scadenza ed ha, pertanto, tempi brevi di realizzazione.

Il Dipartimento regionale, affida l’incarico alla Società Sial Servizi di Rende (con quale procedura?), che gestirà i fondi destinati al progetto. Con incontri mirati, la Società, accoglierà iniziative e proposte avanzate da operatori turistici, e dai comuni: proposte che saranno in seguito vagliate dai responsabili regionali. All’ incontro hanno partecipato operatori del settore, privati e pubblici, con proposte  spesso fantasiose, scarsamente sinergiche, legate all’area silana. Sono state selezionate, attraverso mappatura redatta con criteri non del tutto chiari, da esperti non ben identificati, in modo approssimativo, con cerchi ed ellissi, quattro aree e, in seguito, quattro incontri programmatici: nel Pollino, Sila Grande, Aspromonte e zona grecanica di Bivongi ,da questi itinerari , come si vede, è esclusa  completamente la provincia di Catanzaro che pur presenta eccellenze in campo turistico, naturalistico e storico-culturale.

La Presidente di Italia Nostra di Catanzaro, prof.ssa Arch. Maria Adele Teti, nel suo intervento, segnala la mancanza di progetti nel territorio di Catanzaro che, soprattutto nel comprensorio  Borgia-Soverato, possiede già una vocazione turistica che andrebbe valorizzata non meno di altre aree. A questo fine propone l’inserimento di un “ITINERARIO CASSIODOREO” che abbraccia il segmento costiero ionico del Golfo di Squillace, i luoghi marini e montani che insistono nei comuni limitrofi.

Solo promuovendo una sinergia tra aree di costa ed aree interne si potrà favorire il “turismo sostenibile” che si articola, oltre che nel turismo marino meglio attrezzato, nel turismo “ecologico”, storico-archeologico e religioso, localizzato prevalentemente nell’entroterra. Le località marine potranno così essere trainanti  per tutti gli itinerari e le iniziative possibili, incluse quelle relative alla montagna , sfruttando quella peculiarità tutta calabrese, del rapporto mari-monti, raggiungibili in tempi brevissimi, non superiori ai trenta minuti.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra