Italia Nostra

Data: 11 Maggio 2011

Le associazioni si oppongono al taglio degli alberi nel bosco di S. Anna (Crotone)

Una saggia politica di gestione del territorio, in qualsiasi regione italiana, prevede che, nel caso in cui esso sia  soggetto ad eventi alluvionali ed a  fenomeni di smottamenti, sia tenuto sotto costante controllo così da fare prevenzione attiva di quei fenomeni.

Succede invece che la Regione Calabria, dietro richiesta dell’Enav, abbia autorizzato, lo scorso 15 aprile,il taglio di 1500 alberi di eucalitti per un’estensione di 5 ettari nel bosco di Villa Margherita, di proprietà dell’ARSSA. La motivazione addotta è che gli alberi interferiscono con la sicurezza delle aeromobili in transito. Le associazioni si oppongono al taglio a raso autorizzato dalla Regione Calabria  e chiedono che tali alberi, ormai secolari, siano potati ma non distrutti. Ben altri sono gli ostacoli che sicuramente interferiscono con la sicurezza dei piani di volo: le decine di gigantesche torri eoliche che svettano in tutta la loro imponenza intorno alle piste dell’aeroporto. Nessuna opposizione a questi enormi ed  impattanti parchi eolici da parte della Regione, dell’Enav, della Soprintendenza ai Beni Paesaggistici della Calabria. Peraltro, il periodo scelto per effettuare il massacro di alberi coincide con la nidificazione degli uccelli e la riproduzione dei mammiferi seriamente compromessa da questi scellerati interventi.

Le associazioni firmatarie ritengono che con l’intervento autorizzato si violi la Convenzione internazionale di Rio de Janeiro del 1992,  ratificata dall’Italia con la legge n.124 del febbraio 1994 e poi con l’approvazione della Strategia nazionale per la Biodiversità da parte della conferenza Stato-Regioni dell’ottobre 2010, nonché l’art. 9 della Costituzione Italiana, che prevede tra l’altro la “tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione”. Queste normative  forse, non sono a conoscenza dei responsabili del settore Ambiente della Regione Calabria che hanno autorizzato il taglio di 1.500 eucalitti!

Per i motivi su esposti le associazioni firmatarie chiedono il ritiro immediato dell’autorizzazione rilasciata. Chiedono altresì alla Regione di commissionare un

approfondito studio, finalizzato ad effettuare gli interventi di messa in sicurezza dell’area con il minimo impatto sulla biodiversità.

Le associazioni

ITALIA NOSTRA – Teresa Liguori

ARCI CROTONE – Filippo Sestito

E.N.P.A. CROTONE – Giuseppina Corrado

GRUPPO ARCHEOLOGICO KR – Vincenzo Fabiani

WWF CALABRIA – Giuseppe Paolillo

ALTURA – Stefano Allavena

C.N.P. – Oreste Rutigliano

LEGAMBIENTE CROTONE – Antonio Tata

M.A.N. – Deborah Ricciardi

LIPU – Maria Acri

Leggi l’articolo da AreaLocale

Leggi l’articolo da CrotoneNews

Leggi l’articolo da Il Quotidiano

Leggi l’articolo da Gazzetta del Sud – Ed. Crotone

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy