Italia Nostra

Data: 19 Dicembre 2022

Italia Nostra, sezione di Reggio Calabria ricorda l’artista e la socia Maria Arria Malara

La sezione reggina di Italia Nostra vuole ricordare con affetto, stima ed ammirazione una protagonista dell’ arte figurativa della seconda metà del secolo scorso nonchè, una delle prime socie dell’Associazione che si è distinta con i suoi mirati interventi per la difesa del patrimonio artistico e culturale calabrese e nazionale: Maria Arria Malara.

Sotto la guida negli anni ’30 del maestro Alfonso Frangipane, la pittrice si forma presso il Liceo Artistico di Reggio Calabria, divenendo, poi, a sua volta, docente titolare della Cattedra di Ornato Disegnato. Parteciperà alle “Biennali d’Arte Calabrese” e ai prestigiosi Premi Villa San Giovanni tra gli anni ’50 e gli anni ’80 entrando così in contatto con importanti artisti italiani.

Nel corso della sua intensa attività pittorica numerose sono state le sue partecipazioni a mostre collettive e ad esposizioni personali sia in Italia che all’estero così come sono stati tanti i premi significativi e i riconoscimenti ricevuti. Sarebbe difficile ricordare i tanti apporti critici di firme di primo piano nel panorama europeo artistico: tra gli altri, Berardi, Raffaele De Grada, Franco Purini, Anzel Merianou, Lucio Barbera o, ancora, Ferruccio Ulivi e Giuseppe Selvaggi e naturalmente il suo maestro Frangipane che nel 1964 scriveva: La Sacra famiglia di Maria Malara si riconosce per una trasfigurata finezza, nella resa d’insieme che fa pensare a certe trasparenze di origine rinascimentale, rievocate con composta sensibilità.

Un’attività intensa nel corso della quale l’artista non ha mai abbandonato i tratti caratteristici della sua pittura delicata e ricca di contenuti, dove la natura da lei rappresentata, attraverso fiori e paesaggi, ha sempre avuto un ruolo di primo piano: una natura che grazie alla sua tavolozza di colori ed alla sua sensibilità si racconta, ricordando a tutti noi quanto l’uomo e la natura siano complementari l’uno all’altro. Questa sua particolare sensibilità per la difesa del paesaggio, dell’equilibrio tra società civile e rispetto per il “creato” ha reso i suoi interventi e le sue proposte portate avanti nel tempo, come aderente all’Associazione culturale Italia Nostra, molto sentiti e concreti, incoraggiandoci ad andare avanti senza tentennamenti sulla strada della difesa del “bene comune”.

A tale proposito, ci torna in mente il commento dello scultore Celestino Petrone (anno 1962) sulla produzione di Maria Arria Malara: Il sogno di Maria Arria Malara è di vagare sempre per le campagne e dipingere, dipingere continuamente. E la Calabria pare che si compiaccia di confidare a lei i segreti che custodisce nel suo seno… La nostra Calabria è nei suoi paesaggi

Vorremmo rivolgere un affettuoso pensiero anche alla donna sensibile e combattiva che abbiamo conosciuto, all’amica solidale e leale che incontravamo spesso, anche nel suo elegante studio dove ci invitava a tenere le riunioni dell’Associazione per discutere, scambiare opinioni, programmare anche se dobbiamo confessare… spesso, distratti dalla curiosità di sfogliare i volumi conservati nelle sue librerie, o incantati di fronte alle sue ultime produzioni. Andavamo via con la sensazione di un arricchimento culturale e soprattutto di avere avuto un ulteriore occasione per valutare quanto fossero importanti nell’associazionismo valutazioni equilibrate, fattività e il camminare tutti insieme per raggiungere un obbiettivo.

Grazie all’amica e alla socia.

 

Italia Nostra-sezione di Reggio Calabria

Cardi (1970)

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy