Foto del giorno

Data: 24 Luglio 2019

Una storia sospesa: la fabbrica Aletti a Rende

La ditta “F.lli Aletti Laterizi Rende sdf” viene costituita il 3 marzo 1917 da una famiglia di imprenditori varesini, rimanendo attiva sino al 1948, anno in cui venne ceduta in fitto a D. Spadafora.

La fabbrica ed il villaggio, ubicati in una porzione di fondovalle in sinistra orografica rispetto al Torrente Surdo e a Sud-Est rispetto all’abitato di Rende, sono costruiti  in muratura “faccia a vista”, tecnica costruttiva espressione di una cultura architettonica particolarmente attiva agli inizi del Novecento.

La tipologia delle case operaie si muove in quegli anni in Europa tra due soluzioni estreme: il casermone e/o falansterio a più piani per più nuclei familiari e la casa unifamiliare.

Entrambe le soluzioni vennero adottate a seconda delle circostanze del luogo. L’edificio di tipo intensivo benché risultasse più economico (unificazione di servizi, ripartizione dei costi di manutenzione, risparmio costo di costruzione, etc.) non offriva occasioni di salubrità ed igiene per via della comunanza dei servizi. La casa unifamiliare con orto giardino è, invece, la forma abitativa preferita dalla cosiddetta “azione filantropica” delle grandi industrie. Questo poiché le industrie promotrici erano situate prevalentemente in campagna o nell’estrema periferia dove il costo dell’area non incideva molto sulla costruzione, e nello stesso tempo era preferibile insediare la popolazione operaia nelle vicinanze della fabbrica… (continua a leggere il documento Una storia sospesa: la fabbrica Aletti a Rende_luglio19 di Carlo De Giacomo, Presidente di Italia Nostra Cosenza)

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra