Italia Nostra

Data: 15 Marzo 2018

XI Giornata nazionale delle ferrovie dimenticate: a Kaulon e Stilo sulle orme del Grand Tour

Terzo itinerario promosso da Italia Nostra – Sezione di Crotone – per riscoprire i siti archeologici della Magna Grecia

Il Treno della Magna Grecia’ è tornato a percorrere la costa jonica calabrese tra stupendi scorci paesaggistici e vestigia millenarie. Dopo Locri e Sibari è stata l’antica Kaulon, al confine tra le odierne province di Reggio Calabria e Catanzaro, la sua nuova meta. L’iniziativa, promossa dalla Sezione di Crotone di Italia Nostra in collaborazione con il Gruppo archeologico ‘Paolo Orsi’ di Soverato, il Gruppo archeologico krotoniate e l’associazione Ferrovie in Calabria, si è svolta sabato 10 marzo nell’ambito della XI Giornata nazionale delle ferrovie dimenticate indetta da Co.mo.do (Cooperazione per la mobilità dolce). Anche questa edizione del ‘Treno della Magna Grecia’ ha voluto sottolineare il valore sociale, culturale, storico ed infrastrutturale della ferrovia jonica Taranto-Reggio Calabria, completata nel 1875 e presto divenuta espressione emblematica delle visite di noti viaggiatori del Grand Tour come Françoise Lenormant, George Gissing e Norman Douglas. Sulle loro orme continuano a spostarsi quanti credono in quei binari che lungo il litorale jonico offrono vecchie e nuove suggestioni ed opportunità alternative per conoscere e riscoprire i siti più importanti della Magna Grecia. A Crotone è salito il gruppo più folto dei partecipanti, ai quali se ne sono aggiunti altri alle stazioni di Catanzaro Lido e Soverato. All’arrivo a Monasterace la comitiva è stata trasferita in bus al Parco e Museo archeologico nazionale di Kaulon. L’area è affacciata sul mare e sovrastata dal faro di Punta Stilo. Per quanto piccola, Kaulon raggiunse un notevole grado di sviluppo sfruttando le risorse boschive e minerarie offerte dall’entroterra. La pece ottenuta dai rami resinosi dei pini era rinomata per la sua qualità. Raffinata la metallurgia, tanto che insieme a Sibari fu la prima, tra le colonie greche, a coniare monete d’argento. La vicina Stilo, luogo natale del filosofo Tommaso Campanella, ha costituito la seconda tappa della giornata. I visitatori hanno potuto ammirare il suo centro storico e soprattutto la Cattolica, autentico gioiello dell’architettura e dell’arte bizantine. La splendida chiesetta è inserita nella lista dei candidati al prestigioso riconoscimento Unesco di Patrimonio dell’Umanità.

“La finalità di questa iniziativa – ha dichiarato nel comunicato ai media Teresa Liguori, presidente della sezione crotonese di Italia Nostra – è di far riscoprire il treno, mezzo di trasporto privilegiato della mobilità dolce e sostenibile, veicolo attrattore per gruppi turistici e per viaggi d’istruzione lungo il litorale jonico, ed al contempo favorire gli scambi culturali e le relazioni tra cittadini”. Non trascurabile il contributo che eventi come questo portano all’economia locale se si tiene conto dei trasferimenti in bus, del pranzo a buffet in un grazioso agriturismo e delle guide impiegate a Monasterace e Stilo.

Giulio Grilletta – Vice Presidente Sezione di Crotone

***

http://www.ferrovieincalabria.it/index.php/eventi-ed-iniziative/le-nostre-iniziative/641-treno-magna-grecia-ferrovie-dimenticate-2018-grande-successo

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy