Foto del giorno

Data: 4 Novembre 2023

Italia Nostra non ha sottoscritto la richiesta di rimozione da piazza del Gesù della targa Unesco che riconobbe il Centro Storico di Napoli come Patrimonio dell’Umanità

Italia Nostra non ha sottoscritto la richiesta, riferita da organi di stampa, di rimuovere da piazza del Gesù la targa che riporta la motivazione con la quale l’Unesco nel 1997 riconobbe il Centro Storico di Napoli come Patrimonio dell’Umanità. Le ragioni di questa iniziativa, promossa da alcuni comitati e associazioni e sottoscritta pure da liberi cittadini, sono sicuramente comprensibili. In molte occasioni Italia Nostra ha denunciato l’incuria e lo stato di abbandono in cui si trova il Centro Storico: evidenziando i gravi ritardi nella esecuzione dei ventisette restauri finanziati con novanta milioni di euro oramai da oltre dieci anni con il “Grande Progetto del centro storico di Napoli”, la cattiva esecuzione dei lavori di ripavimentazione di molte strade della città storica, con l’improvvida sostituzione degli antichi basolati, la pessima interpretazione delle norme del Piano regolatore che ha consentito sconsiderati interventi di sostituzione edilizia, i tentativi di sostituire immobili storici pubblici come l’Asilo Jemma (oggi si ripropone quello della stazione Fs di piazza Cavour), l’abuso degli spazi pubblici sottratti al libero godimento dei cittadini e concessi ai ristoratori, sono solo alcune delle più recenti prese di posizione di Italia Nostra. Oggi il Centro Storico soffre pure un eccesso di turismo con la sottrazione ai residenti del diritto di abitare, mentre il mercato degli immobili si sta riversando verso i nuovi usi extra alberghieri, anche incoraggiato da una variante al piano regolatore che nel 2015 allargò le maglie di una normativa rigorosa e che, in solitudine, Italia Nostra osteggiò a difesa degli abitanti. Ciò premesso, la rimozione della targa non ha alcuna ragione che possa giustificarla. La motivazione del riconoscimento da parte dell’Unesco, ivi riportata, è il frutto del pensiero dei Napoletani e degli abitanti che vivono la città storica, dei cultori delle sue tradizioni e della sua storia, di quanti in tutto il mondo hanno apprezzato e amato e ancora apprezzano e amano i valori culturali del Centro Storico di Napoli, sviluppati secondo un processo di stratificazione successiva che l’ha segnato. Quelle parole scolpite sul marmo rappresentano la sintesi del pensiero e dell’impegno degli storici che le hanno suggerite, tra essi Italia Nostra con i suoi presidenti Antonio Iannello e Guido Donatone. Cancellarle non rappresenta il modo corretto per esternare la sofferenza dei cittadini napoletani che richiede invece altre più significative azioni nei riguardi delle istituzioni inadempienti.

Italia Nostra Napoli

03.11.2023

 

Foto Di Angeloxg1 – Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11598436

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy