Italia Nostra

Data: 14 Maggio 2014

Appello al Presidente Renzi contro la norma sulle “casette” mobili

Appello di Italia Nostra al presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi. Prima di votare la fiducia salvi il paesaggio stralciando dal decreto per l’Expo la norma per le case mobili. Solo lei ha questo potere. Non permetta questo ennesimo attentato al paesaggio

La solita manina si è infilata di nuovo dentro un decreto legge in conversione, è accaduto ieri in Senato, ad opera di un solerte senatore del PD, che ha risolto un problema alle associazioni di campeggiatori che, nel “decreto del Fare” di questa estate, erano riusciti a fare il colpo gobbo: far passare per opere precarie le case mobili. Ma non tutte le ciambelle riescono con il buco, pertanto i lobbisti che avevano scritto l’emendamento avevano bisticciato con le parole, così anzichè scrivere che le case mobili non sono soggette a permesso di costruire, avevano scritto che le case mobili lo fossero qualora (“ancorchè”) ancorate al suolo. A nulla sono valse le grida dei campeggiatori, che si volevano trasformare in novelli affittacamere a costo zero (ricordiamo che le case mobili non pagano una lira nè di oneri concessori nè di TASI), in quanto l’italiano è (per ora) una scienza esatta e gli uffici tecnici degli enti locali (e le procure)  in questi mesi gli hanno contestato la loro lettura “elastica” dell’articolo, che essi stessi avevano fatto inserire.

Ma ecco che ieri il Senato  nel decreto legge Emergenza abitativa- EXPO (d.l. n. 66/12014) modifica la parolina incriminata in “salvo che”, e oggi la magia è fatta, a suon di fiducia.

Sempre oggi il testo arriva di gran carriera alla Camera dei Deputati e il termine per gli emendamenti in commissione è già fissato dalla maggioranza alle ore 22.00.

Il decreto scade il 27 maggio ma il Governo ha già fatto sapere che chiederà un’altra fiducia al Parlamento, in modo da far approvare il decreto così com’è stato modificato dal Senato.                  Ci si vuole sbrigare: ci sono altri 25 milioni di euro da dare all’EXPO, altre norme sugli appalti da rendere più “elastiche” e, appunto, la norma per i campeggiatori da approvare apparsa all’improvviso col solito metodo di inserire emendamenti che non fanno parte della legge da approvare.

L’unica possibilità di salvare il paesaggio è nelle Sue mani, Presidente Matteo Renzi :     eserciti il potere di togliere l’emendamento non permettendo questo vergognoso atto contro i luoghi più pregiati del nostro paese.

Mirella Belvisi, Vice Presidente Sezione di Roma 338.1137155

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra