Foto del giorno

Data: 11 Giugno 2022

Ai Castelli Romani la crisi idrica si tocca con mano

Ai Castelli Romani la crisi idrica si tocca con mano, il Lago Albano si è abbassato di 7,5 metri, il Lago di Nemi di 6, consumate in 30 anni  le risorse idriche  superando di più del 10% il livello di sostenibilità annua. Ormai le falde acquifere si sono abbassate di centinaia di metri ed i laghi sono al minimo storico .

“Le risorse idriche si stanno prosciugando a causa sia del consumo del suolo sia della popolazione residente – sottolinea Enrico Del Vescovo, presidente Italia Nostra Castelli Romani – che supera di gran lunga quella che può sostenere il territorio. Non è stato l’aumento naturale della popolazione, ma le continue speculazioni edilizie che hanno portato nuovi abitanti ai Castelli Romani a causare questa situazione.”

Per approfondire l’argomento: cliccare qui

Per l’immagine in evidenza: Photo by giovanni cordioli on Unsplash

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra