Italia Nostra

Data: 3 Gennaio 2012

Recupero del Patrimonio storico dell’Aeroporto Alfredo Barbieri di Guidonia Montecelio

Pubblichiamo la lettera del CR Lazio di Italia Nostra inviata al Ministro per i beni e le attività culturali Prof. Lorenzo Ornaghi, al Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio Arch. Federica Galloni, al Soprintendente per i beni architettonici e per il paesaggio delle province di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo Arch. Costanza Pierdominici

L’associazione Italia Nostra, fin dalla fondazione, finalizza la propria attività nella promozione, tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, secondo il dettato dell’art. 9 della Costituzione Italiana.

Da diverso tempo, la nostra associazione segue l’evolversi della situazione dell’Aeroporto Alfredo Barbieri, di Guidonia, dove si trovano i resti delle strutture della Direzione Superiore Studi ed Esperienze (DSSE), istituita nel 1927, fiore all’occhiello della nostra Nazione per le attività connesse allo sviluppo delle scienze e tecnologie aeronautiche nel secolo XX.

Con la presente, perciò, inoltriamo la relazione, con relativa documentazione, nella quale si evidenzia come già a partire dal 2000 furono prese una serie di iniziative per la tutela e la valorizzazione dello stesso bene, in particolare:

1 – Fu presentato all’Aeronautica Militare dall’Ing. Tullio Cardia un progetto, redatto in collaborazione con i Professori e Ingegneri Luigi Broglio, Bernardino Lattanzi e altri illustri accademici, il quale, prevedendo anche un Concorso nazionale, non ebbe però seguito per le ragioni esposte nella relazione e nella documentazione.

2 – Alcune importanti autorità amministrative di codesto Ministero espressero parere favorevole affinché il complesso dell’aeroporto fosse tutelato in osservanza del D.Lsg. 22 gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”, art. 10, comma 3) lettera d)  e s.m.i., rivestendo un interesse particolarmente importante a causa del suo riferimento con la storia politica e militare. Gli organi interessati concordarono che si provvedesse per il recupero e la valorizzazione dello stesso, alla emanazione di un Concorso Internazionale di idee, così come previsto dalla legge 109/94 art.17 e seguente regolamento, così come poi modificata dal D.Lgs. 12 april 2006, n. 163, “Codice dei Contratti”.

Da allora le iniziative intraprese, al di fuori e in contrasto con queste  indicazioni, non hanno avuto alcun risultato pratico e i ruderi della DSSE sono stati oggetto di un ulteriore dete­rioramento, cosicché la confusione, e le omissioni dei necessari provvedimenti, stanno favorendo estranei interessi che preferirebbero l’aliena­zione dello stesso bene con conseguenti e irrecuperabili danni culturali, ambientali ed economici.

Italia Nostra chiede, pertanto, un intervento forte di codesto Ministero, provvedendo all’istruzione della pratica di verifica dell’interesse culturale, oltre che attraverso l’individuazione di una competente struttura la quale, coordinando i soggetti interessati e responsabili del Patrimonio in oggetto, provveda alla necessaria azione  finalizzata alla tutela e alla valorizzazione del Patrimonio storico, emanando un Concorso Internazionale di idee così come indicato.

Si chiede anche un incontro per esporre alcuni aspetti non compresi nella relazione ma necessari per chiarire meglio l’attuale situazione.

In attesa di cortesi riscontri, si inviano distinti saluti.

il Consiglio Regionale del Lazio di Italia Nostra

_________________________________________________

Per approfondimenti:

leggi la “Relazione sul DSSE di Guidonia Montecelio” (di Tullio Cardia)

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra