Italia Nostra

Data: 21 Novembre 2012

Addio Luigi Vitali, non ti dimenticheremo

Pubblichiamo il ricordo del Cav. Luigi Vitali ricevuto da Elvezio Serena, Presidente della Sezione di Fermo

Ho stretto la mano a Luigi Vitali in occasione dell’affollato incontro in Provincia di sabato 10 novembre. E’ stato presente e ha seguito silenziosamente, in modo encomiabile, tutto il dibattito, dall’inizio alla fine della lunga mattinata, in cui sono state studiate le strade percorribili per il mantenimento dell’istituzione. Non pensavo che sarebbe stata l’ultima volta. Mi consolo almeno di averlo salutato nella sede ufficiale dell’Ente, per il quale ha speso tanti anni della sua vita. Ho trovato tanta tristezza nell’apprendere, sabato scorso, la notizia della sua scomparsa.

Voglio esprimere le più profonde condoglianze alla famiglia, in particolare alla moglie e ai figli. E’ stato sicuramente uno dei maggiori e migliori protagonisti della realizzazione del sogno della Provincia del Fermano. Una persona di grandissimo valore, appassionato dei suoi ideali ed entusiasta delle sue giuste battaglie. Un esempio per tutti noi e per le future generazioni: Vitali ascoltava sempre e volentieri tutti, con attenzione e rispetto.

Ma un altro aspetto vorrei qui cogliere, per ribadire il suo attaccamento al territorio. Un aspetto che forse pochi conoscono è stata la sua passione per il “Trenino dei Sibillini”. Nei vari incontri che il Comitato Territoriale per la Provincia del Fermano (di cui è stato Presidente e vivace animatore) ha organizzato per sensibilizzare cittadini e amministratori di diversi comuni abbiamo spesso abbinato la battaglia per la Provincia a quella per il ritorno de “Lu Trinittu”. Vitali sosteneva che la priorità era la Provincia, ma una volta ottenuta la Provincia ci saremmo dovuti battere per il ripristino della rimpianta ferrovia Porto S. Giorgio-Fermo-Amandola. Un sogno dopo l’altro. Il primo si è avverato… La ferrovia, che per quasi cinquant’anni ha costituito un forte elemento di coesione sociale e culturale, sciaguratamente soppressa nel 1956, sarebbe la ciliegina sulla torta del nostro stupendo territorio. Peccato che non abbiamo più Luigi Vitali, perché con tutta la sua forza e la sua energia, avrebbe potuto dare un contributo efficace, almeno per dare il via all’opera.

Grazie, Cavalier Commendator Luigi Vitali, per aver concretizzato il sogno della Provincia, che vergognosamente vogliono cancellare. Senza di te il traguardo non lo avremmo mai raggiunto.

Grazie, per il tuo impegno nel territorio e per il territorio, quello del Fermano, che non è secondo a nessuno.

Non ti dimenticheremo mai: continueremo a inseguire i tuoi sogni e i nostri sogni, il funzionamento della Provincia e la realizzazione del “Trenino dei Sibillini”.

Elvezio Serena presidente Italia Nostra – Fermo

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra