Italia Nostra

Data: 2 Marzo 2015

Amministratori ed associazioni a favore delle ferrovie “dimenticate” marchigiane

Amministratori e parlamentari hanno accolto, presso la Mole Vanvitelliana Circolo SEF Stamura (g.c), i partecipanti alla “Terza Maratona del Turismo Ferroviario” organizzata da CO.MO.DO., importanti “testimonial” delle iniziative in atto in Italia per far rivivere, come strumento moderno di trasporto pubblico, le “ferrovie dimenticate” presenti anche nella nostra regione, sia con la Fano Urbino che con il tratto Pergola-Fabriano, interrotto recentemente per un semplice “dilavamento” della massicciata.

I “testimonial” presenti erano Massimo Bottini, Presidente Nazionale di CO.MO.DO., Massimo Ferrari Presidente Associazione Utenti del Trasporto Pubblico, Anna Donati, Membro del Kyoto Club e del Direttivo Nazionale di Legambiente, Stefano Maggi Preside Dipartimento Storia Contemporanea dell’Università di Siena e assessore ai trasporti del comune di Siena, Silvio Cinquini Presidente delle Ferrovie Turistiche italiane, Renato Covino past president AIPAI, nonché una troupe di “Ambiente Italia” e di “Rai International” condotta dal giornalista Giuseppe Sanson.

Il Presidente di Italia Nostra Marche, Maurizio Sebastiani, ha accolto i “maratoneti” rileggendo il paragrafo del documento “LE MARCHE CHE NOI VOGLIAMO” sottoscritto da tutte le principali associazioni ambientaliste marchigiane, a favore del trasporto pubblico su ferro ed al riutilizzo delle ferrovie dimenticate per fini di mobilità e di turismo.

Sono poi intervenuti Massimo Bottini che ha illustrato le peculiarità della iniziativa di CO.MO.DO.; Roberto Giulianelli della AIPAI che ha ricordato i meriti storici della linea ferroviaria adriatica, anche per la Città di Ancona; Carlo Bellagamba, presidente della Ass. Ferrovia Val Metauro che ha illustrato le proprie iniziative culminate con un recentissimo voto del Consiglio Regionale a favore del recupero del tracciato ferroviario Fano Urbino per riattivare il servizio; Stefano Maggi, che ha riferito delle vicende della ferrovia della Val dell’Orcia in Toscana e delle difficoltà a far comprendere l’importanza della strada ferrata: Leonando Meloni, assessore ai trasporti del comune di Fabriano che ha espresso la posizione del Comune a favore della riapertura del tratto Fabriano-Pergola e del mantenimento della locale officina FS; Francesco Baldelli, Sindaco di Pergola che ha criticato l’inerzia dell’attuale assessore ai trasporti regionali Viventi e ha ribadito la necessità di un più deciso intervento della Regione per la “superstrada ferrata dell’interno” rappresentata dalla ferrovia Pergola Fabriano Macerata Civitanova. Patrizia Terzoni, deputato segretario della Commissione Ambiente della Camera che ha rappresentato la necessità di una forte spinta delle popolazioni e di una più stretta collaborazione tra i comuni per il ripristino delle “ferrovie dimenticate”; Massimo Ferrari che ha concluso i lavori ringraziando tutti i presenti a nome dei numerosi utenti quotidiani delle ferrovie.

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra