Italia Nostra

Data: 22 Ottobre 2010

Ancona malata d’aria

La Sezione di Italia Nostra di Ancona, pur in attesa di risposte ufficiali (finora è pervenuta solo quella della Autorità Portuale che ha confermato la volontà di elettrificare la banchina delle navi da crociera e quella della Capitaneria di Porto), prende atto con soddisfazione dalle notizie di stampa che il Comune di Ancona, la Provincia e gli altri enti interessati sembrano incamminarsi  su un percorso virtuoso contro l’inquinamento dell’aria in Ancona, anche se verrebbe da dirsi “meglio tardi che mai”. Gli sforamenti nel periodo gennaio-settembre sono stati 124 ad Ancona Porto, 76 ad Ancona via Bocconi, 83 giorni ad Ancona Torrette.

Siamo in presenza di sforamenti che variano da due a quattro volte i 35 giorni all’anno consentiti ed è di questi giorni la proposta della Regione Marche di arrivare anche al blocco totale del traffico se necessario!

Quindi alcuni suggerimenti ci permettiamo di fornirli anche noi :

  • Obbligare i TIR di lunga percorrenza, in arrivo e partenza, a “salire” sul treno nella stazione dell’Interporto di Jesi che così potrebbe iniziare ad animarsi di attività e di introiti. La struttura adesso è funzionante e quindi perché non copiare cosa fanno l’Austria e la Svizzera con i nostri trasportatori?
  • Allungare la linea dedicata dal Cònerobus  iniziando da subito ad utilizzare come parcheggio scambiatore quello dello stadio del Cònero
  • Contemporaneamente istituire in centro città la Zona a Traffico Limitato. E’ infatti noto che se ci ostiniamo a costruire nuovi parcheggi in centro non si disincentiva il traffico e l’inquinamento non potrà essere abbattuto. Solo la certezza che l’unica modalità possibile di accesso è il mezzo pubblico, farà sì che lo si utilizzi.

La Sezione di Ancona


Leggi il comunicato del 28.09.2010

Leggi il comunicato del 17.09.2010

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra