Italia Nostra

Data: 9 Luglio 2013

Marche: incontro con l’assessore Canzian per la nuova legge sul territorio

Italia Nostra Onlus Marche, ieri pomeriggio, ha partecipato insieme ai rappresentanti del Forum Paesaggio Marche all’incontro organizzato da Canzian, nuovo assessore regionale all’Urbanistica e Vice Presidente di Giunta Regionale per discutere il testo tecnico elaborato dalla Regione Marche per una nuova legge per il territorio. I rappresentanti dell’Associazione hanno fatto presente come l’Associazione partecipi con interesse a questi incontri ma come il proprio contributo alla discussione dell’argomento è rappresentato in primo luogo dal testo della proposta di legge (pdl) di iniziativa popolare elaborata nel Forum Paesaggio Marche, firmata da ben 8713 cittadini marchigiani ed il cui esame informale è già iniziato in IV Commissione Consiliare.

All’osservazione che 8713 cittadini sono pochi di fronte ad un milione e mezzo di abitanti è stato risposto che in genere è una minoranza che fa la storia, come è avvenuto per la proposta di legge di iniziativa popolare degli anni ’80 per la costituzione del parco regionale del Conero. Nel senso che quando i “tempi” sono ormai maturi, come oggi per lo stop al consumo di territorio, basta una minoranza per mettere in moto il processo politico decisionale. Italia Nostra Marche ha affermato la necessità che, di fronte ai pareri espressi dai partecipanti, tutti critici nei confronti del testo tecnico (elaborato dagli uffici come fu affermato la volta precedente dai tecnici regionali presenti), la Giunta Regionale si chiarisca le proprie idee e poi verifichi se non convenga predisporre emendamenti e contributi alla pdl dei 8713 cittadini marchigiani, tenendo presente che alcuni importanti punti sono in comune, evitando un testo di giunta che possa essere considerato alternativo alla volontà dei marchigiani. Italia Nostra Marche ha ribadito che la nuova legge sulla gestione del territorio, dopo 21 anni, sia diventata indispensabile ma che essa debba essere adeguata alle nuove sensibilità della pubblica opinione, allo stop al consumo di territorio ed alla necessità, semmai, di puntare alla messa in sicurezza della città costruita negli anni ‘50-‘60-’70.

Italia Nostra ha ribadito che la nuova legge non deve essere un semplice strumento burocratico ma deve avere una logica ed una “anima” che è quella dello stop al consumo di territorio considerando che lo stesso Governo Nazionale ha presentato un disegno di legge in tal senso. L’associazione ha infine ribadito l’importanza che nella nuova normativa, come previsto dall’art.18 della pdl firmata dai cittadini marchigiani, sia ribadito il ruolo essenziale della partecipazione democratica, con strumenti operativi che vanno correttamente individuati.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra