Italia Nostra

Data: 31 Ottobre 2011

PM 10: libertà di inquinare al porto di Ancona?

I sindacati degli autotrasportatori vogliono eliminare alcune misure antinquinamento per il traffico commerciale, previste dalla regione Marche contro le PM10 per l’inverno 2011-2012.

In particolare non vogliono alcuna limitazione all’accesso al porto di Ancona, lungo via Conca di Torrette, per i veicoli commerciali compresi ovviamente gli “autotreni” diesel euro 0 e, più in generale, non vogliono limitazioni al traffico nelle città per i veicoli commerciali euro 1 ed euro 2 non dotati del filtro anti particolato (FAP).

Se le Autorità preposte, leggasi Regione Marche, dovessero cedere agli interessi di questa categoria, continueremmo ad avere quindi libertà di inquinamento da Torrette al Porto di Ancona, inquinamento che insieme ai fumi dei traghetti, è quello che invade il centro cittadino trasformandolo spesso in una camera a gas.

Arriveremo all’assurdo che chiuderemo tutti i forni a legna e i camini delle case private  ma permetteremo il mantenimento di un alto tasso di inquinamento atmosferico da traffico commerciale a danno dei cittadini di Ancona.

A quando interventi seri, programmati e continuativi per utilizzare l’interporto ed il trasporto su rotaia da e per il porto di Ancona?

Seguiremo gli sviluppi per capire se conta più una manifestazione con un centinaio di autotrasportatori o la salute di centinaia di migliaia di cittadini marchigiani (le misure anti PM10 riguardano infatti tutti i comuni delle Marche, a parte la questione Porto di Ancona)

Ancona, 31 ottobre 2011

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

SEZIONE DI ANCONA DI ITALIA NOSTRA

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra