Italia Nostra

Data: 7 Aprile 2022

Una probabile nuova cava a San Pietro di Cagnano – Acquasanta Terme: problematiche e riflessioni.

 

 

 

Sembra che nel programma delle Cave approvato dalla Regione Marche sia compresa quella che dovrebbe essere attivata nella frazione di San Pietro di Cagnano di Acquasanta Terme.

Senza voler discutere sulla validità economica di questa eventuale attivazione sia per quanto riguarda la qualità del travertino estratto, sia per i benefici che potrebbero derivare per la località in termini di occupazione di personale, appare invece quanto mai opportuno elencare i danni che l’opera produrrebbe sulla integrità di un sito che è ricco di pregi ambientali, naturalistici, paesaggistici, storici e probabilmente anche archeologici. Senza dimenticare i danni che potrebbero esser arrecati alle falde di acque sulfuree che consentono la presenza delle sorgenti che sgorgano nella sottostante zona di Santa Maria proprio nei pressi del famoso maniero di Castel di Luco.

Va rilevato  infatti, che il sito di San Pietro di Cagnano , pur a breve distanza dalla località di Acquasanta Terme, si distingue per il rilevante pregio paesaggistico. Infatti dal verde pianoro della località è possibile ammirare uno spettacolare panorama a 360 gradi che partendo dalle cime della catena dei Monti Sibillini, si estende al misterioso profilo del Monte dell’Ascensione per permettere poi di allargare lo sguardo lungo la Valle del Tronto sino all’azzurro del mare Adriatico, prima di restare colpiti dal fascino degli incombenti rilievi dei Monti Gemelli, per concludere il tour fascinoso con la magica visione del Monti della Laga e della Macera della Morte. Inoltre l’eventuale cava dovrebbe essere realizzata a breve distanza dai confini del Parco dei Monti della Laga e del Gran Sasso in un’area probabilmente soggetta a tutela paesaggistica. Va rilevato, inoltre, che il sito di San Pietro di Cagnano è probabilmente ricco di reperti archeologici, tanto è vero che sembra che proprio in questa zona furono rinvenuti delle tombe ostrogote del V sec. d. C. e dove , a parere di studiosi del territorio, potrebbero essere presenti anche reperti di epoca romana. Inoltre proprio in questa zona pare fosse presente il centro abitato di San Pietro de Portica con una chiesa dedicata a San Pietro e con annesso un convento, di cui probabilmente saranno ancora presenti resti delle fondamenta. Cosi come l’attivazione della cava forse potrebbe determinare la distruzione di un’antica casa colonica che appare degna di un attenta tutela. Così come determinerebbe la distruzione di un romantica ed ecocompatibile strada che dovrebbe essere sostituita con una nuova da realizzare più a monte quasi nei pressi dei confine del Parco dei Monti della Laga.

Per tutti i motivi sopra elencati si ritiene che, prima dell‘eventuale autorizzazione all’attivazione della cava, si debbano effettuare rigorosi accertamenti sulla compatibilità dell’opera da parte della sensibile Soprintendenza di Ancona , a cui questa nota viene inviata per opportuna conoscenza.

Andrà inoltre effettuata una approfondita indagine per accertare se l’attivazione della cava possa arrecare danni o addirittura interrompere il naturale deflusso delle acque sulfuree che consentono la famosa e fondamentale risorgiva di Santa Maria che si trova a valle del sito di Cagnano.

Grata per l’attenzione, ringrazia e porge distinti saluti.

La Sezione di Italia Nostra

Il Presidente

(Prof. Gaetano Rinaldi)

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra