Italia Nostra

29 Novembre 2022

La demolizione dell’antico ponte Garziolo evidenzia una inesorabile regressione tecnica e culturale nell’approccio progettuale” 

 

Il ponte Garziolo aveva un’unica arcata in pietra da taglio e una forma originaria a schiena d’asino, successivamente modificata tra la fine del XVIII secolo e gli inizi del XIX, per adattarlo alle mutate esigenze viarie derivanti dalla realizzazione della prima parte della cosiddetta Via Messina per le montagne. Risulta citato e descritto nello storico volume “Ordinazioni e regolamenti della Deputazione del Regno di Sicilia, Cura de’ ponti e delle strade del Regno appoggiata alla Deputazione” – Reale stamperia, Palermo 1782. Il Ponte era sito a circa cinquecento metri rispetto a un altro della medesima epoca, denominato della Spina o Leonessa, che permette di attraversare un affluente dell’Azziriolo. Nei giorni scorsi il ponte Garziolo è stato demolito. Dell’antico manufatto resta soltanto un cumulo di pietre.

La demolizione dell’antico ponte Garziolo, di origine medievale, nel territorio compreso tra i comuni di Mezzojuso e Ciminna, in provincia di Palermo, colpisce e offende. L’azione demolitoria è stata compiuta nell’ambito dei lavori di ammodernamento della strada statale Palermo-Agrigento ad opera dell’ANAS. Per l’esecuzione di tali lavori, l’ANAS sostiene di aver acquisito i pareri prescritti dalla normativa vigente e, in particolare, il nullaosta da parte della soprintendenza dei Beni culturali e ambientali di Palermo.

A parere di Italia Nostra, la demolizione dell’antico ponte Garziolo evidenzia una inesorabile regressione tecnica e culturale nell’approccio progettuale. Colpisce, ovviamente, l’ennesimo, ingiustificabile nullaosta rilasciato dalla soprintendenza dei Beni culturali e ambientali di Palermo. Di certo, nel 2022, la Sicilia è ancora terra di paradossi: ovvero si demoliscono pregevoli manufatti storici, mentre si mantengono in piedi migliaia di opere abusive “moderne” che deturpano il paesaggio e mettono a rischio la vita dei cittadini.

Italia Nostra si riserva di presentare un esposto in Procura, dopo aver acquisito ulteriori elementi di valutazione. E intanto chiede l’immediato ripristino del ponte Garziolo.

 

Prof. Leandro Janni, presidente regionale di Italia Nostra Sicilia

per la rassegna stampa: cliccare qui

foto: fonte Leandro Janni

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy