Foto del giorno

Data: 20 Luglio 2023

Italia Nostra Nebrodi lancia l’allarme per le condizioni del complesso architettonico di Santa Croce a Sant’Angelo di Brolo

Italia Nostra Presidio Nebrodi, in una nota inviata alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina, al Sindaco del Comune di Sant’Angelo di Brolo e, per conoscenza , all’Assessore Regionale ai Beni Culturali, lancia l’allarme per le condizioni di abbandono in cui versa il Complesso architettonico di Santa Croce, a Sant’Angelo di Brolo.

Si tratta di un bene culturale straordinario che va salvato da una lenta rovina e recuperato per divenire sede ideale per la realizzazione di eventi culturali e turistici. Il complesso, ubicato nell’ex-feudo di S.Papino, in località Piano Croce è costituito da un Palazzo baronale, una cappella e una torre, circondati da un muro di recinzione precedente alla costruzione della Torre.

La Torre, a tre elevazioni, a pianta quadrata, presenta una grande volta a botte al piano terra e venne costruita nella seconda metà del XVI secolo, quando ancora i pirati barbareschi risalivano la vallata di Sant’Angelo per saccheggiarla. Nel XVIII secolo fu costruita la residenza signorile e successivamente una chiesetta intitolata a San Papino I terreni circostanti e l’area del complesso passarono nel tempo in possesso a proprietà di varie famiglie di notabili della zona tra cui le famiglie Amato, Angotta, Caldarera e Taviano. Il complesso era difeso da un fossato e da un muro di recinzione, aveva abitazioni per contadini, alloggi per le guardie ed era dotato anche di un mulino e di un sistema di approvvigionamento idrico.

Il bene, vincolato con decreto dell’Assessore ai Beni Culturali n.2106 del 07/08/1990 è stato ritenuto dalla Regione, scrive Italia Nostra, “ di interesse storico ed architettonico particolarmente importante “ in quanto, come si legge dallo stesso decreto” costituisce una significativa e pregevole testimonianza di architettura dei secoli XV e XVIII che merita di essere recuperato nella sua integrità”.

Il palazzo era caratterizzato da una monumentale e duplice scalinata. Sia la scalinata che le decorazioni esterne del Palazzo presentano stilemi architettonici del tardo seicento. L’antica cinta muraria, di cui restano poche tracce, presentava feritoie e caditoie e conserva ancora, in parte l’acciottolato originario. Il palazzo baronale è tutt’oggi di proprietà privata mentre la Torre è di proprietà del Comune.

Dopo oltre trent’anni dall’apposizione del vincolo il bene versa in uno stato di totale abbandono e disinteresse, con pericolo di crolli, distacchi di materiale architettonico e depredazioni e con rischi per le persone che incautamente dovessero accedervi. Italia Nostra Presidio Nebrodi, pertanto, chiede alla Soprintendenza ai Beni Culturali di Messina un urgente sopralluogo al fine di porre in atto tutte le iniziative necessarie per salvaguardare e restituire dignità a tale importante monumento, preservandolo dal crollo definitivo, che cancellerebbe per sempre una importante testimonianza del nostro patrimonio culturale e della memoria storica del luogo.

Al Sig. Sindaco del Comune di Sant’Angelo di Brolo, invece, l’Associazione culturale chiede di conoscere, anche in considerazione dell’urgenza dettata dalle precarie condizioni in cui versa l’intero complesso, quali provvedimenti siano in itinere e quali iniziative si intendano intraprendere per il recupero di questa importante testimonianza storica.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy