Italia Nostra

Data: 7 Febbraio 2018

Melilli, partecipazione a “Madri, Dee e Sirene: miti e simboli del femminile tra antico e moderno”

Domenica 28 gennaio, alle ore 18:30, nella magnifica cornice di Palazzo Omodei-Migneco ad Augusta, nell’ambito del progetto culturale Madri, Dee e Sirene: miti e simboli del femminile tra antico e moderno, è stata invitata a partecipare anche la nostra sezione. All’importante appuntamento, al quale ha preso parte il Direttivo di Melilli a rappresentanza dell’intera associazione, sono intervenuti la scrittrice Marinella Fiume, le docenti Mariada Pansera e Fulvia Toscano, la studiosa Cettina Voza, il nostro socio Giuseppe Immè e l’artista Alessandro La Motta, curatore di una mostra dal titolo Lighea: il mito e la sirena.

I vari relatori hanno posto la loro attenzione, con differenti prospettive, sul mito della sirena e soprattutto di Lighea: in particolare il nostro socio ha fatto riferimento con convincenti argomentazioni ai collegamenti che è possibile ravvisare tra le vicende dell’esistenza dell’esimio concittadino Giulio Emanuele Rizzo, Archeologo e Storico dell’Arte antica di indiscussa fama, e Rosario La Ciura, il grecista protagonista del racconto più noto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Queste connessioni sono ravvisabili nello scritto di G. Immè Colloqui antichi e recenti con le sirene, contenuto nel volume monografico Personaggi ed Immagini dai secoli XIX e XX. Addenda Bibliografici, Siracusa 2017.

La materia è stata anche trattata in alcuni contributi di storiografia siciliana, tra cui Archaiologhia e storiografia: quale Sicilia? di Vincenzo La Rosa; Da Lamis a Lampedusa: nella terra del mito di Cettina Voza, e nell’articolo Il Gattopardo minore del saggista e nipote ex sorore di G. E. Rizzo, Francesco Mosino.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra