Italia Nostra

Data: 10 Luglio 2012

Sicilia: al via la bonifica dell’ex miniera di Pasquasia

Dopo anni di attesa, a seguito di diversi esposti e denunce da parte di Italia Nostra, al via la bonifica del sito minerario dimesso di Pasquasia. Lo ha reso noto, nel corso di una conferenza stampa, il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, commissario delegato per l’emergenza bonifiche e tutela delle acque in Sicilia. Il relativo bando di gara per la messa in sicurezza e per la bonifica del sito è stato trasmesso, per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità europea, sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana e sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana. “’Finalmente – ha dichiarato il presidente Lombardo – diamo risposte concrete, con fatti e azioni, alle legittime richieste del territorio ennese e nisseno, rimaste inascoltate per vent’anni. Si tratta del più importante intervento pubblico di bonifica realizzato in Sicilia, con risorse, pari a circa 24 milioni di euro, messe a disposizione interamente dalla Regione Siciliana. Il terreno contaminato e i rifiuti contenenti cemento-amianto verranno rimossi e smaltiti in discariche esterne al sito. Pasquasia in futuro non ospiterà alcuna discarica di amianto”.

Il progetto appaltato, approvato in conferenza di servizi con parere favorevole di tutti gli enti competenti, prevede interventi di messa in sicurezza e bonifica. Specificatamente: la rimozione e il conferimento in discariche esterne al sito di tutto il materiale contenente cemento-amianto e di tutto il materiale contaminato da cemento-amianto (circa 20mila tonnellate); la bonifica di tutti gli edifici con coperture in cemento-amianto e di tutte le apparecchiature interne ed esterne ai fabbricati; la rimozione e il conferimento in discariche autorizzate esterne al sito di tutti i rifiuti e i prodotti chimici di qualsiasi natura presenti all’interno ed esterno dei fabbricati, inclusi i trasformatori contenenti olio dielettrico; la messa in sicurezza della discarica mineraria esistente all’interno del sito mediante rimozione dei rifiuti presenti, impermeabilizzazione e stabilizzazione delle scarpate, regimentazione e captazione delle acque meteoriche. I lavori partiranno a settembre e dureranno circa 20 mesi. A Pasquasia sono stati già realizzati alcuni interventi preliminari, quale la messa in sicurezza dell’area del sito minerario interessata dallo sversamento dell’olio dielettrico, per il quale si sta avviando il piano di caratterizzazione finalizzato all’intervento definitivo di bonifica. Infine, da un mese è già in funzione l’impianto di videosorveglianza realizzato dalla struttura commissariale, grazie al quale l’area è vigilata e monitorata con oltre 20 telecamere.

Leandro Janni – Consigliere nazionale di Italia Nostra


Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra