Italia Nostra

Data: 1 Ottobre 2018

Dossier al sindaco di Massa su piazza Garibaldi: una vergogna per tutta la città

A distanza di un paio di anni dal nuovo impianto arboreo di Piazza Garibaldi la prima sensazione di degrado dovuta alla bruttezza delle palme che risultavano senza fronda con poche foglie e spelacchiate (denunciato con comunicato del 2 marzo 2018) non è certamente cessata, anzi è aumentata e peggiorata in quanto le stesse risultano in sofferenza, mezze secche e ancor più spelacchiate.  Anche a prima vista la Piazza crea subito una sensazione di grave trascuratezza e degrado che non fa che alimentare le critiche e le dichiarazioni di dissenso testimoniateci da decine di cittadini ed anche da alcuni dei maggiori esperti del settore della città.

Per questo  dobbiamo tornare  nuovamente sul problema e lo facciamo per mezzo di questo Dossier  che invieremo al Sindaco e a tutti gli organi di informazione per chieder di procedere ad un nuovo impianto con alberature confacenti per ridare a piazza Garibaldi il suo antico aspetto, ombroso e lussureggiante per il piacere di tutti i frequentatori e in particolare delle  mamme, dei piccoli e degli anziani, senza dimenticare l’aspetto estetico/turistico ed economico e quello  di una piazza funzionale che dovrebbe  agevolare la sosta piacevole e al recupero sociale.

Per collaborare con l’Amministrazione Comunale riportiamo solo due interventi di esperti del settore mettendoci a disposizione per eventuali chiarimenti ed ulteriori collaborazioni.

“La palma scelta dovrebbe essere Syagrus romanzoffiana, originaria di Brasile Meridionale, Paraguay e Argentina Settentrionale. Si tratta di una specie di scarsa consistenza, ossia ben poco vistosa, e, anche se sulle valutazioni estetiche ogni posizione è opinabile, penso che non si possa definire di aspetto particolarmente gradevole. Aggiungo che i diversi individui, che, dopo un anno, non paiono godere di buona salute, sono stati dislocati male, essendocene quattro a ridosso del vecchio cedro (davanti all’ingresso dell’ex Banca d’Italia) e con questo, se sopravvivranno, destinati ad intrecciarsi.

In altri punti, essi sono troppo diradati e mi riferisco alle vicine aiole (parte della piazza verso Montignoso), che sono del tutto sguarnite, tanto che potevano essere riempite con qualche alberello o arbusto ornamentale (ad esempio, oleandro). “

Sicuramente conveniamo quanti ritengono che la seconda piazza di Massa, conosciuta da tutti i cittadini oltre che per la monumentale statua di Garibaldi anche per il suo imponente arredo arboreo non meritava questa brutta fine.

Tutti ricordano con nostalgia  le magnifiche e coreografiche  palme che la ornavano e creavano un ambiente elegante ed ombroso dove si ritrovavano per sostavano volentieri  famiglie intere  con bimbi e anziani, ma da un anno  la Piazza é cambiata, sono scomparse le palme-tagliate perché malate ma sono state  sostituite da queste  attuali che invece di  svolgere la normale attività di arredo ambientale cioè creare ombra e ornamento   risultano spelacchiate, con busti filiformi  pochi rami e foglie tanto deprimenti quanto  cadenti.

Insieme  a  molti  cittadini, delusi da questo risultato, ci chiediamo se era proprio necessario fare questa  ingrata scelta e se dovremo tollerare questo vero e proprio scempio per molti anni ancora prima di  rivedere tornare  la piazza al suo antico splendore” Prof. Ed esperto botanico

“Le palme messe a dimora recentemente in piazza Garibaldi ed in alcune aiuole di Marina offrono un triste spettacolo agli occhi dei cittadini che le osservano. Purtroppo non è più consigliabile mettere a dimora le Phoenix Canariensis che esistevano prima nella piazza suddetta a causa del punteruolo rosso che ha decimato tutte le palme della suddetta specie su tutto il territorio comunale. Comunque, se si vuole scegliere una specie di palma più adatta, basta ammirare le altissime Washingtonia esistenti nel giardino di fronte al Provveditorato agli studi in via Pascoli, oppure le stesse palme in fondo al viale Roma e nelle aiuole del viale lungomare lato monti. È buona norma, quando ci si accinge a scegliere una specie da porre a dimora nel nostro territorio, guardare le piante migliori che fanno bella mostra di sé nel territorio stesso. Gli esempi sono numerosi, come: la Lauro canfora all’inizio del viale Roma; i Celtis australis nel parcheggio adiacente a via Europa; gli aceri e le querce del Monte di Pasta; la quercia da sughero che esisteva nella piazzetta di fronte al cinema Astor, anche se ora è seccata per cause che andrebbero accertate. Altre piante adatte al nostro ambiente sono i lecci, i frassini, gli olivi e, naturalmente, gli aranci. Anche se la messa dimora di specie nuove per il nostro territorio non è da scartare, ma occorre che queste abbiano un aspetto lussureggiante e non triste, come le palme citate in premessa.”

ANCHE IN RELAZIONE ALLE DICHIARAZIONI DEL SINDACO  RELATIVE AD UN SUO IMPEGNO PER  PROMUOVERE UN MIGLIORE ARREDO URBANO, ITALIA NOSTRA  LO INVITA A COGLIERE L’OCCASIONE INIZIANDO PROPRIO DA QUESTA CHE E’ TRA LE PIAZZE PIU’ BELLE DELLA CITTA’

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra