Italia Nostra

Data: 4 Dicembre 2015

Italia Nostra Arcipelago Toscano sulla Villa Romana del Cavo e i recenti sviluppi edilizi

Dopo un primo passo compiuto lo scorso 23 novembre ad opera del suo presidente onorario presso il sindaco di Rio Marina, questa Sezione di Italia Nostra Arcipelago Toscano avverte la necessità di tornare sulla villa romana di Capo Castello di Cavo, nel cui perimetro si sta registrando la sopraelevazione di un fabbricato, posto sul culmine del sito, che viene a raccontare – quando non se ne sentiva certo il bisogno – l’ennesima storia italiana di un’emergenza archeologica irragionevolmente punita.

​Tale iniziativa edilizia è l’ultima di una serie, lunga, ma divenuta intensa a partire dagli anni Sessanta-Settanta del secolo scorso, che ha mescolato agli ambienti di una domus tra le più interessanti dell’alto Tirreno una geografia di architetture deprecabili non già perché si sarebbero desiderate diverse da come le vediamo, ma perché semplicemente non avrebbe dovuto esserci. Non è necessario, infatti, che una nuova costruzione ne spodesti, distruggendola, una antica, perché la si debba rifiutare; basta che le si alzi dappresso, costituendo con la sua sola presenza il disconoscimento di una produzione intellettuale non limitata a un oggetto, ma estesa al suo contorno.

Peraltro, nel nostro caso, la cementificazione ha accompagnato il più delle volte l’occultamento o la cancellazione delle strutture preesistenti che, studiate da Vincenzo Mellini nell’Ottocento, rilevate e riportate alla luce in alcuni segmenti da saggi di scavo eseguiti, tra il 1970 e il 1972 dal prof. Gianfranco Vanagolli e intorno al 1995 dal dott. Marco Firmati, oggi appaiono realisticamente suscettibili di una possibilità di lettura solo riguardo a un’area estremamente ristretta.

Su di essa, tuttavia, si è ritenuto di poter fondare di recente un meritorio progetto di salvaguardia e valorizzazione, capace di restituire finalmente alla comunità un bene che le appartiene attraverso un virtuoso gioco di sinergie, rappresentate dal Comune di Rio Marina, dalla Sovrintendenza Archeologica per la Toscana e da un Comitato cittadino.

Non finisce di stupire, pertanto, mentre bisogna pur sottolineare che da molti mesi si attende di conoscere i termini di un piano di intervento ad hoc, anche finanziario, annunciato dalla stessa Sovrintendenza, senza il quale il Comune e il Comitato sono condannati all’inazione, come si sia potuto procedere da parte degli organi responsabili nel solco di un costume di insensibilità o di distrazione nei confronti dei beni paesaggistici e culturali che si riteneva ormai relegato ad un irreversibile ieri.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra