Italia Nostra

Data: 20 Novembre 2017

La collezione Carlo Pepi a Crespina

Carlo Pepi. Molti lo hanno conosciuto per le vicende relative a Modigliani, del quale è uno dei massimi esperti al mondo, e tra i pochi a denunciare le famose teste trovate nei fossi di Livorno come falsi (Carlo Pepi parla della beffa del 1984-video – Modigliani – La storia siamo noi – Minoli) (si sbagliarono invece – clamorosamente – Argan, Ragghianti, Brandi, Carli giusto per nominare i maggiori) o, più recentemente, per le opere dubbie di Modigliani presenti alla mostra a Genova a palazzo Ducale (http://www.ansa.it/modigliani-pepi-a-genova-opere-dubbie). Ma Carlo Pepi, oltre che esperto di Modigliani, è anche e sopratutto grandissimo collezionista di opere d’arte, con una collezione impressionante per quantità di pezzi (più di 2500 artisti, più di 20000 opere d’arte – “ho smesso di contarle” afferma), dipinti, disegni, incisioni, con alcuni pezzi pregiati di Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Amedeo Modigliani, per non citare che i più noti. (per una lista – parziale -, rinviamo al suo sito:  https://carlopepi.wordpress.com/gli-artisti-2/).

La gran parte di questa sterminata collezione riempie – in senso letterale – due ville padronali di Crespina (PI), nella bella campagna tra Pisa e Livorno, l’una antica fattoria (Villa Montelisi) con cappella affrescata dai fratelli Melani, l’altra antica villa (Villa dei Gioielli) già appartenuta ai parenti di Modigliani e dalla quale si traguarda la villa Gioli, dove tanto tempo trascorsero dipingendo i maggiori macchiaioli, presenti in gran numero in collezione… continua a leggere dal sito della Sezione di Pisa https://italianostrapisa.wordpress.com/2017/10/29/la-collezione-carlo-pepi-a-crespina/

***

Si pubblica il messaggio ricevuto dalla Sezione Arcipelago Toscano riguardo la visita del 19 novembre: “A nome di tutti i nostri soci un sentito grazie alla prof.ssa Ewa Karwacka e all’ing. Gabriele Del Guerra per l’ottima organizzazione (e un pranzo fantastico) dell’evento di sabato 19 che ha riunito insieme le sezioni di Pisa, Arcipelago Toscano, Lucca e Massa Montignoso. Si è trattato di un evento speciale, se pure informale, per la presenza di tanti soci arrivati da varie parti della Toscana per quella che si è rivelata anche un’ occasione di conoscenza e dialogo”.

alcune immagini della giornata:

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra