Italia Nostra

Data: 31 Ottobre 2010

Post Monument. Il marmo delle Apuane per il business del carbonato di calcio: cui prodest?

Le Apuane, questa maestosa e al contempo fragile catena d’incredibile valenza geologica, botanica, paesaggistica, scrigno dell’identità e della sommatoria dei segni dell’esistenza umana delle generazioni che ci hanno preceduto in terra apuo-lunense-versiliese…  sono da considerarsi soltanto come un enorme giacimento di marmo da sfruttare a sfare?

E il David e il Mosè di Michelangelo, le innumerevoli opere di architettura e d’arte in marmo che, nei secoli, sono state disseminate quali messaggere di cultura e di pace nell’universo mondo… sono soltanto qualche decina, centinaia, migliaia di tonnellate di carbonato di calcio?

La risposta a queste domande, direbbe un certo Oscar Wilde, denoterà – per noi, gente comune – il grado della nostra intelligenza e della nostra sensibilità ambientale, etica ed estetica; si aggiunga – per i governanti pubblici e gli imprenditori privati del territorio (che possono disporre di  una preziosa risorsa collettiva, non riproducibile, quali sono le Apuane e il marmo delle Apuane) la misura del senso di responsabilità e dell’etica nella politica e nell’economia.

Leggi tutto l’articolo

Scarica la “locandina” sul business del carbonato di calcio, con tanto di commento da parte di Leonardo Da Vinci!

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra