Italia Nostra

Data: 21 Giugno 2012

Sul piano interprovinciale di gestione dei rifiuti “Ato Toscana Costa”

Italia Nostra Versilia condivide e fa propri il contenuto e le proposte del  documento CO.AS.VER – Rete dei Comitati Versiliesi – (alla cui elaborazione ha contribuito), che sottopone all’esame delle sezioni interessate per osservazioni, integrazioni ed eventuali correzioni (da inviare a versilia@italianostra.org)

Premessa

Il nostro modello di sviluppo, incentrato su un costante aumento dei consumi e basato su di un enorme spreco di materiali di risulta, è  sempre più incompatibile  con i limiti imposti dal Pianeta Terra. In Italia in media il 65% dei materiali che vengono estratti dall’ambiente con enormi costi energetici ed ambientali ritorna all’ambiente sotto forma di problematica ambientale in discarica e circa un 10% con impatti ambientali ancora maggiori in inceneritori.

In Italia vengono prodotti ogni anno circa 30 milioni di tonnellate di rifiuti urbani di cui 17 finiscono in discarica, 5 negli inceneritori e il restante, circa il 30 % viene riciclato. Oltre ai rifiuti urbani ci sono i  rifiuti speciali che sono stimati in 138 milioni di tonnellate anno, oltre quattro volte la quantità degli urbani. In Toscana si producono in totale (dati relativi all’anno 2010 certificati ARRR) 2,514 milioni di tonnellate di RU (Rifiuti Urbani) di cui  936.000 tonnellate vengono differenziate. Nell’Ato Costa la produzione è di circa 942.000 tonnellate di cui 348.000 come raccolta differenziata (RD) che non significa necessariamente riutilizzo o riciclo.

La grande  montagna dei rifiuti che produciamo ci dice come viviamo, cosa e come consumiamo, qual’ è  il  nostro modello di sviluppo e di consumo, il nostro sistema di progettare, produrre distribuire e commercializzare i beni, quali sono i  comportamenti individuali e sociali consolidati e i  nostri stili di vita. Per questa ragione riteniamo indispensabile liberarci di un approccio tecnicistico e settoriale per  adottare una strategia complessiva capace di affrontare la questione rifiuti a partire dalle sue implicazioni sociali e culturali perché in questo modo è possibile ridurre la quantità dei rifiuti prodotti e modificarne la composizione merceologica al fine di favorire strategie di raccolta differenziata, recupero, riutilizzo e riciclaggio… (continua a leggere il documento)

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra