Italia Nostra

Data: 9 Maggio 2011

Dentro i segni del paesaggio, tra ciò che affiora e l’invisibile. L’Altavia TV1 nel versante del Grappa

(vai su http://www.libreriauniversitaria.it/tesi/autore/davide-stona.htm)

Questo il titolo del volume – appena pubblicato dalla casa editrice Libreria Universitaria di Padova – scritto dall‘Arch. Davide Stona di Asolo, socio della locale Sezione di Italia Nostra e coordinatore di un gruppo di lavoro dedicato alla valutazione di opportunità e rischi connessi con il progetto di valorizzazione economico/turistica del Massiccio del Grappa.

Naturale sviluppo della tesi specialistica in landscape ecology discussa  da Stona presso lo IUAV di Venezia nell’anno accademico 2007/2008, il volume mira a formulare un piano di sviluppo sostenibile per il Massiccio del Grappa, basato sulle forme tipiche dell’eco-turismo.

Il lavoro parte dall’analisi del paesaggio culturale del Grappa, evidenziando i fenomeni e i fattori che nel corso dei secoli hanno contribuito a mantenere le forme tipiche del paesaggio In particolare viene studiata la geomorfologia e le unità del paesaggio, i tipi di suolo, il clima e le precipitazioni medie, la vegetazione potenziale e quella reale.

L’analisi storica evidenzia che, a partire dal secondo dopoguerra, il sistema economico che aveva generato le forme tipiche del paesaggio culturale del Grappa è entrato inesorabilmente in crisi. Dalla fine del ‘800 alla fine del ‘900, i prati che costituivano l’autentica risorsa economica della zona sono quasi del tutto scomparsi, lasciando spazio al prevalere del  bosco, a causa della mancanza di interesse per le attività economiche montane e del  graduale abbandono delle attività agricole in quota, con il conseguente inselvatichimento di larghe porzioni di montagna.

Lo studio – attraverso un questionario qualitativo appositamente creato –  valuta attentamente se  la montagna venga ancora percepita come risorsa economica dalle popolazioni locali e dalle varie tipologie di portatori d’interesse e propone un progetto di sviluppo sostenibile per l’area, che possa garantire la tutela e la valorizzazione delle poche aziende che ancora praticano l’alpeggio, elemento indispensabile per la salvaguardia di ciò che resta del paesaggio culturale del Grappa.

La sezione di Asolo di Italia Nostra intende verificare la possibilità di realizzazione pratica di tale progetto, confrontandola con le proposte delle amministrazioni locali  di “valorizzazione turistico/culturale”, in vista del centenario della prima guerra mondiale, che – a nostro avviso – possono ulteriormente determinare il crollo dell’economia tipica dell’area,se non controllate.

Davide Stona è un giovane architetto trentenne, con laurea specialistica – conseguita nel 2009 con il massimo dei voti – in architettura del paesaggio e successivo master in strategie e tecniche per l’architettura sostenibile. La tesi ha vinto il premio come migliore tesi per il 2009 a PRO.TESI , manifestazione ideata dal Ministero della Gioventù con il finanziamento della Regione Veneto.

Sia durante gli studi universitari che dopo il conseguimento della laurea,  ha collaborato a vari progetti architettonici, tra cui quello di un parco urbano a Settat, in Marocco e ha realizzato modelli tridimensionali di aree di progetto, in collaborazione con vari studi di architettura in Italia e all’estero, tra cui vanno segnalati quelli di Spazio Sud srl su modelli di housing per il terzo mondo.

Ha recentemente collaborato con il prof. Virginio Bettini per una pubblicazione sulla via Francigena e la tutela del paesaggio culturale da essa attraversato.

Oltre all’attività professionale, Stona si dedica intensamente alla coltivazione di bonsai e alla produzione casalinga di birra e formaggi e milita con successo in una squadra di touch rugby. Una curiosità è la sua discreta conoscenza dell‘Akan Twi, dialetto niger-congolese del Ghana.

L’Arch. Davide Stona è raggiungibile all’indirizzo e-mail:    seppuku12@libero.it

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy