Convegni

27-10-2016

Workshop L’arbitraggio culturale: nuove frontiere nella gestione del patrimonio culturale e del turismo

27 ottobre 2016, ore 14.30
Fondazione Riccardo Catella, Milano

Il patrimonio artistico-culturale rappresenta un bene fondamentale di una nazione e contribuisce a rafforzarne l’identità, la coesione sociale e la coscienza civica.
Una parte molto significativa del patrimonio culturale mondiale si trova in paesi, tra cui l’Italia, che attraversano una fase di ristagno economico caratterizzata da una progressiva contrazione delle risorse pubbliche destinate alla tutela e alla gestione degli heritage assets.
D’altra parte, una quota importante di risorse finanziarie è andata accumulandosi nel Golfo o in altri paesi emergenti che stanno ora cominciando a sviluppare interesse verso gli heritage assets con l’obiettivo di promuovere il turismo e l’interscambio culturale.
Grazie a una dotazione di asset diversi (heritage e finanziari) ma complementari stanno prendendo forma operazioni di “arbitraggio culturale”, collaborazioni transfrontaliere fra governi, istituzioni finanziarie e imprese che consentono ai paesi con scarse dotazioni finanziarie di tutelare, conservare e valorizzare alcuni beni culturali, condividendone i benefici di natura economica ed extra-economica con paesi ricchi, ma relativamente poveri di heritage.

Rimane aperta la discussione se il patrimonio artistico-culturale possa e a quali condizioni risultare una asset class interessante non solo per investitori privati, ma anche per grandi investitori istituzionali, quali ad esempio fondi pensione, fondi sovrani, e altri investitori di lungo-periodo, in una logica che concili la redditività economica con il suo valore e funzione civile.
Il workshop coinvolge massimi esperti internazionali per discutere formule, casi di studio, rischi e opportunità delle cosiddette operazioni di arbitraggio culturale, con particolare riferimento al contesto italiano.

Workshop SILFRC_ Programma

Commenti

Commenti chiusi

Italia Nostra Onlus