Italia Nostra

Data: 24 Aprile 2015

Smart City e città verdi per uscire dalla crisi. Perugia, Earth Day

In occasione della Giornata Mondiale della Terra 2015,  EARTH DAY, organizzata a Perugia il 22 Aprile scorso dai Comuni di Perugia e di Assisi, si sono incontrati, in una tavola rotonda, i Presidenti nazionali della maggiori associazioni ambientaliste, Italia Nostra con Marco Parini, Legambiente con Vittorio Cogliatti Dezza, WWF con Fulco Pratesi,  Greenpeace con Giuseppe Onufrio, Amici della Terra con Monica Tommasi e per Cittadinanzattiva Adriano Paolella, insieme a tanti altri rappresentanti di associazioni e di comitati che hanno a cuore la storia, l’ambiente, il paesaggio insomma la nostra memoria, una memoria che uno sviluppo  sostenibile deve tutelare, valorizzare  anziché distruggere perché significherebbe distruggere l’uomo e i suoi valori.

Presente anche il Direttore Generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, Maurizio Pernice e il Direttore Generale dell’Arpa Umbria,  Walter Canapini.

I lavori sono stati aperti dal Vice Sindaco del Comune di Perugia, Urbano Barelli, che ha auspicato un cambiamento di pensiero per costruire con l’apporto di ogni singola conoscenza  ed esperienza,  una città diversa,  aperta ed intelligente, la smart city: la tavola è stata coordinata dal giornalista Gabriele Salari.

L’argomento è stato introdotto da Walter Canapini dell’Arpa Umbria che ha evidenziato la questione dei cambiamenti climatici, la pessima qualità dell’aria che si respira in talune zone del mondo, una di queste la pianura padana, i riflessi negativi della globalizzazione, la vitale connessione della filiera territorio-ambiente-alimentazione-salute, la resilient communities, le cause di possibili conflitti ambientali.

Smart  city, città intelligente, città sostenibile, città dove si sviluppa una politica di governo attenta alla sua storia e ai suoi abitanti rendendola luogo di risparmio di materie (es. acqua) e di energia (edifici e mobilità),  luogo di relazione, luogo di cultura, di crescita: lo strumento per atturarla, la pianificazione urbanistica e paesaggistica condivisa dai cittadini che dovranno poi vivere in quella realtà, pianificazione che deve anche essere strumento di valorizzazione. Questo un breve sunto della discussione.

Le conclusione lasciate al Direttore Generale del Ministero dell’ambiente, Maurizio Pernice il quale partendo dall’aspetto centrale del cambiamento climatico, ha riaffermato che la smart city è la risposta con tutti quei connotati, requisiti sopra evidenziati anche se rimane centrale la spesa pubblica.

Il Presidente nazionale di Italia Nostra Marco Parini, al termine del Convegno, ha proposto un primo esperimento a Perugia come ‘Città d’arte intelligente’.

 

IMG_1237

 

 

 

 

 

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra