Le Nostre Sezioni

Calendario 2017 dedicato al Parco Culturale ed Ambientale della “Nuova Montagna dei Fiori “

Prima del verificarsi dei drammatici eventi sismici , che hanno praticamente distrutto gran parte dell’area interna del piceno ,
arrecando , altresì, danni enormi anche alle zone più distanti dall’ epicentro del sisma, la Sezione aveva deciso di dedicare il Calendario al Parco Culturale ed Ambientale della “Nuova Montagna dei Fiori “, nel cui ambito sono presenti alcuni borghi e monumenti che hanno subito danni gravissimi. (Si fa riferimento , in particolare, al Borgo di Castel Trosino e al Convento di San Giorgio di Rosara ).

Non è stato possibile , purtroppo, dedicare la pubblicazione alle zone dove il terremoto ha provocato più danni.
La Sezione ha già deciso di dedicare a queste zone il Calendario 2018 con la riproposizione delle immagini dei borghi e monumenti prima del verficarsi degli eventi sismici e della condizione attuale.

Alleghiamo alla nota il Calendario pubblicato in cui prevalgono immagini di un ambito panoramico e paesaggistico di indubbio fascino, per la cui valorizzazione sistemica la Sezione ha elaborato una proposta, che come al solito non ha prodotto alcun risultato concreto stante il timore degli Amministratori Locali di iniziare a percorrere un sentiero irto di difficoltà anche se denso di  stimoli entusiamanti .

La pubblicazione vuole essere uno strumento per sensibilizzare la comunità per avviare un concorde azione volta alla valorizzazione sistemica delle risorse culturali del territorio, indispensabile per superare la condizione di crisi che gli eventi sismici hanno reso drammatica.

Sfoglia il calendario 2017

L’eventuale richiesta di copie da parte delle Sezioni potrà rilevarsi come un sostegno fondamentale per il proseguimento della nostra attività.

Per informazioni

Italia Nostra-Onlus
Sezione di Ascoli Piceno
Via della Vetriera,25
63100 Ascoli Piceno
Prof.Gaetano Rinaldi
(Presidente)
tel.333 8906957 – 389 8479919
ascolipiceno@italianostra.org

News

20-03-2017

Associazioni Marchigiane “Burchio, ancora una volta no alla cementificazione”

La attuale amministrazione comunale di Porto Recanati, rieletta in una compagine già battuta dagli elettori nel 2014 e che oggi amministra di nuovo il comune rappresentando poco più del 20% dei voti espressi dai cittadini, torna alla carica con la approvazione di una nuova variante al PRG per permettere la realizzazione della cementificazione del Burchio. La lottizzazione prevede adesso 47.000 metri cubi di costruzioni con una ulteriore volumetria (in sospeso) per le costruzioni previste in area ad alto rischio idrogeologico... Continua a leggere

16-03-2017

Distrutta per sempre la ferrovia Fano-Urbino

In netto contrasto e in dispregio con quanto approvato all'unanimità dalla Camera dei Deputati il 27 gennaio scorso con il disegno di legge per l’istituzione dei ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico e archeologico, nei giorni scorsi il comune di Fano ha permesso la definitiva distruzione della Ferrovia Fano-Urbino.

Spacciata per opera di compensazione per la costruzione della terza corsia autostradale, questa operazione ha scardinato e troncato il binario che da più di cento anni collegava  la costa all'entroterra. La tratta rientra proprio fra i primi 18 tracciati che, paradossalmente, la nuova Legge sulle Ferrovie Turistiche, ora in discussione al Senato, tutelava. Oggi non c’è più nulla.

10-03-2017

Ancona: Servono altri studi? No, servono azioni

I rapporti più recenti delle Autorità internazionali che si interessano di salute, mettono in evidenza, senza alcun dubbio, la gravità dell’inquinamento atmosferico come causa di morte e malattia: OMS 2017: Nel 2012 circa 7 milioni di persone sono morte a causa dell'inquinamento atmosferico. I dati rivelano uno stretto collegamento tra inquinamento in aree confinate e inquinamento esterno, con una diffusa incidenza su malattie cardiocircolatorie, infarti, ischemie, tumori. Tra le vittime più colpite dall'inquinamento atmosferico ci sono i bambini. AGENZIA EUROPEA PER L’AMBIENTE 2016 È allarme inquinamento nel rapporto 2016 diffuso dall’Agenzia europea per l’ambiente (Eea). «467mila morti premature» all’anno causate in Europa dallo smog. Risulta che nel 2014 circa l’85% della popolazione urbana nell’Ue è stato esposto alle cosiddette «polveri sottili» (il particolato PM2.5) a livelli ritenuti dannosi per la salute. E proprio il particolato, spiega il rapporto, ha causato in Europa almeno 467mila morti premature. Nel nostro Paese sono 66.630 le vittime stimate del particolato fine (PM 2.5), 21.040 del biossido di azoto (NO2) e 3.380 per l'ozono (O3) (non sommabili tra di loro).... Continua a leggere  
07-03-2017

L’Angelo della Luce e il regno delle tenebre, la Chiesa di Vitavello dedicata a San Michele Arcangelo

Il cataclisma che si è abbattuto sulle preziose terre del Centro Italia ed in particolare sulle aree interne del Piceno, arrecando danni incalcolabili al patrimonio urbano, agli edifici storici, alle preziose chiese e pievi oltre a lutti inconsolabili alla popolazione spogliata di ogni bene e purtroppo sovente privata anche del bene supremo della vita, ha per il momento risparmiato dalla distruzione la Chiesa di Vitavello dedicata al Principe delle Milizie Celesti. Così è ancora possibile commuoversi davanti all'immagine del Bel San Michele che con “ il sorriso sulle labbra e la primavera nel cuore” sembra voler dare sicurezza ai fedeli nel difficile cammino della vita. Purtroppo il sopralluogo della Soprintendenza pare abbia confermato che anche l’edificio che custodisce, oltre al prezioso affresco dedicato a San Michele, una commovente rappresentazione della Crocefissione, possa collassare per le ripetute sollecitazioni dei tremiti della terra o per altri possibili eventi atmosferici di particolare intensità. Italia Nostra, che ha dato avvio ad una raccolta nazionale di fondi per consentire il consolidamento e la conservazione di questo importante testimonianza di pietà popolare, di profonda fede, di millenarie tradizioni, purtroppo non è riuscita a portare a termine questa splendida avventura. Il sopraggiungere delle ripetute scosse di terremoto ha praticamente interrotto la raccolta fondi e quindi tutto è tornato nello stato di abbandono primitivo, aggravato, oltre tutto, dagli eventi sismici che hanno reso probabile il crollo dell’edificio e quindi la scomparsa dei preziosi affreschi e della miracolosa immagine del Principe delle Milizie Celesti. La Sezione ritiene che massimo debba essere l’impegno di tutti per conservare almeno questo segno della storia del territorio, della antica fede dei suoi abitanti, del profondo legame al culto del Santo difensore della fede e invincibile nemico del mondo delle tenebre. Siamo certi che nessuno vorrà che ciò accada e che si farà tutto quanto possibile per evitare che il regno delle tenebre possa prevalere su quello della LUCE, assicurando che le forze del male “ non praevalebunt Prof. Gaetano Rinaldi Presidente Italia Nostra Ascoli Piceno [gallery size="medium" ids="51300,51299,51298"]  

Italia Nostra Onlus