LISTA ROSSA ITALIA NOSTRA

Rocca viscontea (BS)

Autore segnalazioneSegnalazione del 22 novembre 2017 del Comitato Parco Colline Moreniche del Garda
Data aggiornamento08/10/2021
Denominazione beneRocca viscontea (BS)
RegioneLombardia
ProvinciaBrescia
ComuneLonato del Garda
IndirizzoVia della Rocca di Lonato, 25017 Lonato BS
Indirizzo di georeferenziazione (da Google MAPS) 45.46278753066947, 10.486555855060834
CategoriaBeni culturali
Categoria specialistica bene culturaleCastello, Cinta muraria, Complesso monumentale
Inserire immagine Brescia.jpg
Descrizione immagineVista panoramica della Rocca Viscontea
Inserire immagine Brescia2.jpg
Descrizione immagineFotografia con la distinzione degli ambienti
Inserire immagine 3-4.jpg
Descrizione immagineImmagine della Rocca Viscontea nel suo contesto
Inserire immagine 4-2.jpg
Descrizione immagineImmagine della Rocca Viscontea nel suo contesto
Descrizione generale del bene

La Rocca Viscontea di Lonato del Garda si erge a est del centro abitato, su di una collina che sovrasta la città. Il complesso fortificato è formato dalla cinta muraria che circonda il lotto di forma irregolare, con accesso dalla porta che distribuisce al percorso lungo le mura; all'interno si distinguono due porzioni, separate dal fossato e messe in comunicazione dal viale a ridosso della fortificazione: una parte più bassa, detta il Quartiere Principale, e una più alta denominata Rocchetta, in cui è ubicata la casa del castellano. Questa è un edificio a pianta quadrangolare, su tre livelli con copertura a tetto a falde. In tempi recenti, è stata realizzata un'ampia costruzione a un piano con terminazione a terrazza, collocata in corrispondenza del Quartiere Principale, con struttura in metallo e vetro. Il castello è composto da grossi ciottoli morenici.

Presenza di elementi di pregio

Il portale d'ingresso alla rocca è coronato dalla statua marmorea del leone alato. Le sale della Casa del Capitano nella Rocchetta ospitano il Museo Civico Ornitologico, la cui collezione deriva dalle raccolte dell’ornitologo Gustavo Adolfo Carlotto (1886-1970). Il materiale esposto consiste in circa settecento esemplari dell'avifauna italiana, conservati tramite il lavoro del tassidermista di fama Marco Gianese.

Interesse culturale del bene (c.d. vincolo)
Tipo interesse

Il complesso architettonico, con numero identificativo 279480 e denominazione “Rocca (resti)”, risulta “di interesse culturale non verificato”. Il bene ricade in area tutelata ai sensi della L. 1497/39. Ente competente: Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Bergamo e Brescia.

Allega documento. L’allegato è riferito a documentazione ufficiale riferita al vincolo/descrizione dell’interesse culturale. DettaglioBene1-3.pdf
Interesse pubblico del bene

Il bene costituisce un elemento importante per la storia e il paesaggio del borgo di Lonato del Garda, rappresentandone la memoria difensiva e di punto strategico militare. Il complesso ha inoltre ospitato delle personalità importanti, come per esempio Isabella d'Este (1474-1539), ed è stato teatro di eventi storici significativi.

Periodo di realizzazioneA partire dal X secolo
Funzione in passato

Edificata nel X secolo, la rocca è di proprietà dei conti di Montichiari, degli Scaligeri e nel 1376 dei Visconti che, con Bernabò, ne estendono le mura a tutto il borgo abitato. Espugnato nel 1403 da Nicolò d'Este, il complesso diviene dei Gonzaga di Mantova e dopo della Repubblica di Venezia. Rientrata nelle proprietà dei marchesi di Mantova nel XVI secolo, nel Seicento la rocca è in condizioni precarie. Nel XVIII secolo, la fortificazione è scenario di scontri durante la guerra di successione spagnola e, alla fine del Settecento, delle guerre napoleoniche. Venuta meno l'importanza strategica di Lonato, nel 1827 la rocca è ceduta dal demanio austriaco a dei privati che ne abbattono le caserme e convertono gli spazi interni ed esterni a campi coltivati. Nel 1920, il complesso è acquistato dalla fondazione “Ugo da Como”.

Elementi di rilievo dal punto di vista storico-documentale

Tra il 1509 e il 1515, nel periodo della guerra tra Venezia e la Lega di Cambrai, la Rocca ospita Isabella d'Este, moglie di Francesco II Gonzaga. Il 31 luglio 1796, sotto le mura della fortezza, è combattuta la Battaglia di Lonato tra l'esercito francese comandato da Napoleone Bonaparte e l'esercito austriaco ai comandi del feldmaresciallo Peter Vitus von Quosdanovich.

Nome autoreGiusi
Cognome autoreVillari
TitoloLa Rocca e il sistema difensivo di Lonato in età veneziana 
Anno2002
InI quaderni della Fondazione, 4.2002, 6, 8-15.
Nome autoreGiusi
Cognome autoreVillari
TitoloLe fortificazioni di Lonato nella storia del paesaggio gardesano 
Anno2002
InI quaderni della Fondazione, 4.2002, 6, 31-33.
Sito/URLhttp://vincoliinrete.beniculturali.it/VincoliInRete/vir/bene/dettagliobene279480
Sito/URLhttps://thatisitalia.it/la-rocca-visconteo-veneta/
Sito/URLhttps://www.lagodigarda-hotels.com/it/desenzano/desenzano-articoli/979-monumento-nazionale-dal-1912-le-mura-della-rocca-di-lonato-sottoposte-a-lavori-di-consolidamento
Sito/URLhttp://www.roccadilonato.it/it/castello-rocca
Stato di conservazioneBuono
Descrizione dello stato di conservazione

La rocca di Lonato del Garda è in buone condizioni di conservazione. La maggiore criticità riguarda la presenza nel terrazzamento più basso, il Quartiere delle Armi, del grande edificio a copertura piana in struttura in metallo e vetro che occupa gran parte dello spazio e che è destinato allo svolgimento di eventi.

ProprietàSoggetto privato
Tipologia soggetto privatoFondazioni
Funzione attuale del bene

La Rocca è gestita dalla Fondazione “Ugo Da Como”, insieme al Museo Civico Ornitologico “Gustavo Adolfo Carlotto” e al Museo Casa del Podestà. Il complesso è visitabile ed è sede di eventi pubblici, come "Fiori nella Rocca", e privati (feste aziendali e matrimoni).

Eventuali progetti finalizzati al recupero/riutilizzo:Attualmente non si riscontrano interventi volti al restauro.
Eventuali proposte di riutilizzo:Il complesso è utilizzato per visite e per lo svolgimento di eventi pubblici e privati
E’ raggiungibile da una strada?
E’ raggiungibile da un sentiero?
E’ possibile avvicinarsi?
E’ possibile accedere all’interno?
IndicazioniIl complesso è visitabile in determinati orari.
E' aperto al pubblico?
Frequenza di apertura1-2 gg/sett
Ingresso a pagamento?
Altre notearch. Gilberto De Giusti

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra