Italia Nostra

Data: 7 Marzo 2020

Furto ad Aragona: Italia Nostra scrive al Sindaco e alla Soprintendenza

Furto ad Aragona: Italia Nostra scrive al Sindaco e alla Soprintendenza. Dopo il furto dello stemma dei Pugiades, la famiglia che costruì la torre del Salto d’Angiò, sulla questione della tutela del monumento, che figura all’interno della Lista Rossa di Italia Nostra, interviene Adele Margherita Falcetta, Presidente di Italia Nostra Agrigento.

In una lettera aperta inviata al Sindaco del Comune di Aragona e al Soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Agrigento richiede l’avvio dei lavori per la messa in sicurezza e per il restauro del bene. «Si tratta dell’ennesimo sfregio a un bene culturale interessante, che, purtroppo, si trova in stato di abbandono e del quale Italia Nostra si è più volte occupata in passato», scrive la Falcetta nella missiva. La costruzione costituisce un esempio di architettura chiaramontana del XIV secolo ed insiste in un’area importante dal punto di vista archeologico.

«Anche se di proprietà privata – conclude Falcetta – esso non può essere abbandonato a un destino di degrado e ditotale disfacimento, sia perché interessante dal punto di vista storico e architettonico, sia perché facente parte della memoria storica del luogo»

https://www.italianostra.org/torre-del-salto-dangio-ad-aragona-agrigento-segnalazione-per-la-lista-rossa-2/

 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra