Italia Nostra

Data: 27 Novembre 2020

Nomina Presidente Autorità Laguna di Venezia: Italia Nostra scrive al Presidente Giuseppe Conte

Si pubblica il testo della lettera-appello della Presidente Nazionale di Italia Nostra inviata al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare On. Sergio Costa in merito alla nomina del Presidente dell’Autorità della Laguna

Oggetto: nomina del Presidente dell’Autorità per la Laguna di Venezia (legge 126 del 13 ottobre 2020)

La conversione in legge del decreto legge istitutivo della nuova Autorità per la Laguna di Venezia comporta che si passi ora alla nomina del presidente di tale Autorità, fondamentale sia per la gestione del Mose sia per la salvaguardia della Laguna e della città stessa di Venezia.
Il comma 5, secondo periodo, dispone che il Presidente sia nominato «con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del mare». Dal momento che il comma 2, all’alinea prevede: «Le funzioni dell’Autorità sono esercitate compatibilmente con i princìpi e i criteri relativi al buono stato ecologico delle acque di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, alla gestione del rischio di alluvioni di cui al decreto legislativo 23 febbraio 2010, n. 49, e alle tutele di cui alle direttive 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009 e 92/43/CEE del Consiglio, del 21 Maggio 1992, cosiddette direttive “Uccelli” e “Habitat”» è evidente che il presidente debba essere dotato (come dispone l’art. 5) «di alta e riconosciuta esperienza nei settori nei quali opera l’Autorità».

É una nomina di altro profilo istituzionale che prevede elevate competenze e saperi relativi «alla salvaguardia della città di Venezia e della sua Laguna e al mantenimento del regime idraulico lagunare» (comma 2). Son dunque necessarie competenze tecniche che consentano di cogliere la complessità delle particolarissime dinamiche ambientali che investono questo territorio e la complessiva unità idrografica della Laguna – un territorio di assoluto interesse nazionale e pure sotto la tutela dell’UNESCO –, capacità ed esperienze gestionali, sensibilità ed attitudine al confronto con istituzioni e cittadinanza.

Abbiamo già rilevato, in una lettera inviata al Presidente Conte, come la scelta della persona responsabile venga dopo un travagliatissimo periodo che ha visto infranto l’onore delle istituzioni e stesa per anni una coltre opaca sui termini progettuali, economici e funzionali del concessionario del Mose e degli interventi sulla Laguna. É dunque necessario che chi sarà chiamato alla guida dell’Agenzia per la Laguna possa ben interpretare il dovuto cambio di passo. Allarmati però dalle notizie di stampa su presunte anticipazioni della scelta in preparazione, ci permettiamo di segnalare che, se davvero non ci sono dirigenti in servizio adatti a tale ruolo e disponibili e si ritiene di poter nominare, per il primo periodo di avvio, un dirigente dello Stato già pensionato, invece di una dirigente esperta della gestione immobiliare del demanio, sono disponibili due ingegneri idraulici veneziani con conoscenza ed esperienza quarantennale della gestione della Laguna. L’ing. Antonio Rusconi e l’ing. Francesco Baruffi, già dirigenti del Ministero delle Infrastrutture l’uno e del Ministero dell’Ambiente l’altro, proprio i due ministeri che devono concordare la scelta da proporre al Presidente del Consiglio. Ciascuno di essi ben potrebbe assicurare, per una transitoria fase iniziale, sia le conoscenze specifiche e indispensabili del territorio interessato, sia esperienze organizzative, sia la propensione a far crescere una nuova leva, giovane e competente, per la direzione dell’Autorità.

 

Roma, 18 novembre 2020

Ebe Giacometti

Presidente Italia Nostra

 

Per approfondimenti:

lettera presidente Giacometti al ministro Costa su nomina presidente autorità

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra