Italia Nostra

Data: 10 Agosto 2012

Ponte di Messina, ambientalisti al governo: “progetto inutile, dispendioso e dannoso”

Continua la stretta della Associazioni ambientaliste sul Ponte sullo Stretto. In una nota congiunta  Italia Nostra, Fai, Legambiente, Man e Wwf scrivono al governo per chiedere che venga rigettato un progetto inutile, dispendioso e dannoso. Eccone i punti salienti:

”Le associazioni ambientaliste chiedono al governo la coerenza con la linea tenuta finora sulla questione e quindi ribadiscono la richiesta di rigetto del Progetto e scioglimento della società Stretto di Messina; in coerenza con le esigenze di Spending Review, anche per la ricordata inesistenza di penali in questa fase”. Così Fai, Italia Nostra, Legambiente, Man e Wwf in una lettera inviata al governo per chiedere coerenza e ribadire la richiesta di rigetto di un progetto, quello del Ponte sullo Stretto di Messina ”inutile, dannoso e dispendioso”. Un progetto in cui i costi ”negli ultimi anni sono cresciuti dai 6,3 miliardi di euro del preliminare agli 8,5 miliardi di euro del definitivo del 2011”.

Nei mesi scorsi, ricordano le associazione ambientalista, ”il governo Monti ha definanziato il progetto, di fatto bloccandolo (1,624 miliardi di euro stornati per delibera Cipe a gennaio 2012). Diversi esponenti dello stesso governo, a cominciare dal responsabile delle infrastrutture, Corrado Passera, hanno dichiarato che ‘il Ponte non è’ una priorita”; quasi tutti i gruppi parlamentari (con l’eccezione di alcune aree del Pdl) hanno sostenuto che ormai l’operazione ‘si deve chiudere, con lo scioglimento della società Stretto di Messina’. A questo punto, in piena Spending Review -rilevano-, ci si attendeva da un momento all’altro la cancellazione definitiva del progetto ed il citato scioglimento della società. In tal senso erano anche trapelate più volte dal ministero delle Infrastrutture notizie circa il procedere della chiusura”. Niente di tutto ciò. Qualche giorno fa, sottolineano, ”il commissario al Ponte, nonchè Ad della SdM oltre che dell’Anas ha rilanciato, tentando quanto meno di procrastinare la chiusura, annunciando l’aggiornamento dello studio di impatto ambientale a seguito delle 103 richieste di integrazione del progetto definitivo, ‘in ottemperanza alle osservazioni del Ministero dell’Ambiente”’. Mentre si attendeva una pronuncia negativa dell’esecutivo, Ciucci, quindi, rilevano le associazioni ambientaliste, ”rilancia, irridendo di fatto alle reiterate dichiarazioni dei ministri, e addirittura minaccia il ‘ricorso al Presidente della Repubblica’ in una missiva inviata al governo ‘per la perdurante inerzia dell’esecutivo sulla questione del Ponte’!”.

Per questo le associazioni ambientaliste Fai, Italia Nostra, Legambiente, Man e Wwf, già titolari delle osservazioni al progetto definitivo e in linea con la richiesta di bocciatura dello stesso e di scioglimento della società avanzata nei mesi scorsi, hanno scritto al Presidente del Consiglio Monti e ai ministri competenti, sottolineando innanzitutto la singolare bizzarria per cui un commissario governativo e ad di una società a maggioranza governativa, nominato sempre dal governo, minaccia un conflitto grave con lo stesso esecutivo”. A giudizio delle associazioni, ”tale modo di procedere sarebbe da sottoporre a severa censura e a eventuali provvedimenti conseguenti. Nella lettera le associazioni ricordano le maggiori incoerenze ed incongruenze del progetto. Dapprima si ricorda che, nonostante oltre quarant’anni di progettazione e numerose versioni dell’elaborato, con una spesa di svariate centinaia di milioni, non è ancora dimostrata con certezza la costruibilità tecnica del manufatto Ponte” (da Adnkronos)

“(… ) Si richiamano le lievitazioni dei costi del progetto negli ultimi anni, dai 6,3 miliardi di euro del preliminare agli 8,5 miliardi di euro del definitivo del 2011. Si sottolinea come dagli stessi documenti e protocolli procedurali, si evinca nettamente che fino all’approvazione del progetto definitivo non esistono penali, quindi in questa fase c’è solo da computare il riconoscimento delle spese sostenute dal General Contractor. In questo senso è ulteriormente sconcertante che, operato il definanziamento da parte del governo, società e concessionaria abbiano proceduto ad ulteriori progettazioni e studi ambientali, inducendo di fatto esborsi a debito aggiuntivi per la comunità nazionale.

Successivamente si richiamano le anomalie della “Variante di Cannitello”, progetto di ristrutturazione della linea ferroviaria, già esecutivo sotto la gestione di Rfi e la supervisione della Regione Calabria, poi forzosamente dichiarato “collegato al Programma Ponte”, con il forte aggravio dei costi e il rischio che il General Contractor potesse usare anche la circostanza dell’opera collegata in eventuali contenziosi con lo stato. Ancora si ricordano i flussi di traffico in declino, con il crollo dei collegamenti di lunga distanza con la Sicilia, che da tempo non giustificano più l’attraversamento stabile (11,6 milioni di auto l`anno, a fronte di un ponte che ne può portare oltre 105 milioni).

Si punta poi l’indice sulle carenze e le lacune dello studio per la Valutazione di impatto ambientale, non aggiornato peraltro per le strutture principali nonostante le variazioni sostanziali rispetto al Preliminare. Si sottolinea “l’assoluta mancanza” di una Valutazione di incidenza complessiva in un’area speciale in cui ricadono ben undici Siti di Importanza Comunitaria e due grandi Zone a Protezione Speciale. Non si tiene conto né vengono rispettate le prescrizioni paesaggistiche e fortemente carenti sono le assunzioni dei vincoli di difesa del suolo ex Pai, ovvero aree a rischio alluvionale. In conclusione, le Associazioni “chiedono al governo la coerenza con la linea tenuta finora sulla questione e quindi ribadiscono la richiesta di rigetto del Progetto e scioglimento della società; in coerenza con le esigenze di Spending Review, anche per la ricordata inesistenza di penali in questa fase” (da ImgPress).

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra