Italia Nostra

Data: 15 Settembre 2021

Salviamo il pino domestico. Salviamo il paesaggio italiano. Salviamo i pini di Roma dalla grave infestazione di Toumeyella Parvicornis

pineta ostia

Salviamo il Pino domestico. Salviamo il paesaggio italiano. Salviamo i Pini di Roma dalla grave infestazione di Toumayella parvicornis. Una sfida contro il tempo, che richiede professionalità ed efficienza, una sfida necessaria!

Comunicato stampa | Roma, 15 settembre 2021

Conferenza stampa | Orto Botanico, Largo Cristina di Svezia n 23 A, Aranciera, mercoledì 15 settembre ore 11.30

  

La Campania ed il Lazio stanno perdendo giorno dopo giorno centinaia, migliaia di Pini, gran parte dei quali monumentali. Roma sta perdendo i suoi Pini: a Villa Borghese, Villa Ada, Villa Pamphili, in molte altre ville; nei viali storici, nelle aree archeologiche, nei parchi e nelle riserve; nelle pinete litoranee, come Castel Fusano.

Non c’è più tempo, occorre fermare la strage di Pini!

La conferenza stampa di Italia Nostra intende evidenziare la gravità dell’attuale infestazione, che dopo la Campania e il Lazio rischia di estendersi velocemente ad altre regioni modificando per sempre il nostro paesaggio, e ha l’obiettivo di evidenziare che esiste e funziona la cura endoterapica, di far conoscere le corrette modalità di intervento e di sollecitare gli Enti alla cura urgente e massiva dei Pini.

 

Italia Nostra chiede

  1. che da parte degli Enti, di aree interessate dall’ infestazione, vengano stanziate risorse economiche immediate per le cure endoterapiche, le quali, peraltro, sono molto meno onerose degli abbattimenti;
  2. l’impegno da parte della Regione Lazio e soprattutto di Roma Capitale ad intervenire con professionalità e rapidità nell’applicazione dei monitoraggi e delle cure endoterapiche, mettendo subito in campo una qualificata gestione tecnico operativa;
  3. che siano fermati i tagli e le potature improprie di Pini, che siano invece monitorate le piante con tecniche professionali e si provveda a curarle con adeguato impegno e perizia professionale, come impongono il decreto emergenziale MiPAAF ed il Piano regionale;
  4. che il Ministero della Cultura intervenga in merito alla strage di Pini, in gran parte soggetti a vincolo, esercitando il proprio potere di intervento per la tutela delle alberature monumentali e dei contesti paesaggistici, mirando ad ottenere la cura, piuttosto che giungere all’abbattimento per presunti motivi di sicurezza.

 

È iniziata da oltre due anni la campagna di Italia Nostra per salvare i Pini, condivisa da associazioni e cittadini, condotta con raccolte firme, manifestazioni, appelli a tutti i Ministeri, alla Regione Lazio e a Roma Capitale. Sono stati ottenuti dal MiPAAF e dalla Regione Lazio i primi significativi risultati, dato che sono stati condivisi gli obiettivi della battaglia di Italia Nostra circa l’importanza di curare i pini malati, piuttosto che abbatterli o potarli ed emanate le precisazioni tecniche circa l’utilizzo di cure endoterapiche con il criterio della minore invasività e della specializzazione del personale che le applica.

Il decreto emergenziale del MiPAAF, del 3 giugno 2021, “Misure fitosanitarie di emergenza ai fini del contrasto dell’organismo nocivo Toumeyella parvicornis (Cockerell) (Cocciniglia tartaruga)” ha rappresentato un primo step significativo, lanciato un allarme nazionale teso ad individuare con monitoraggio le aree dove risulta presente l’insetto, indicato le cure fitosanitarie relative, in particolare il metodo di cura endoterapica e i fitofarmaci autorizzati. Ha imposto ai Servizi Sanitari Regionali di fare presidio attivo per la lotta antiparassitaria e ai proprietari di provvedere a curare. In conferenza il CREA (Centro di Ricerca Difesa e Certificazione) potrà meglio precisare proprio gli aspetti di metodologia di cura sulla base della sperimentazione scientifica e della ricerca più avanzata. I video illustrativi che saranno presentati potranno chiarire in dettaglio come procedere.

Altro step significativo è sicuramente il Piano “Salva Pini” della Regione Lazio del 5 agosto 2021, che riprendendo le indicazioni del decreto fissa l’obbligatorietà degli interventi, le sanzioni e precisa tecnicamente le modalità di cura e la necessità di operatori professionali per praticare la cura.

In conferenza la Direttrice della Reggia di Caserta del MIC riferirà come ha operato con la cura nei giardini della Reggia, utilizzando metodi corretti su Pini monumentali. Si tratta di un esempio positivo importante di cura endoterapica andata a buon fine, come a Roma lo sono i Giardini Vaticani, il Cimitero Acattolico, i giardini dell’Accademia Americana e i parchi dell’EUR SpA. La lotta biologica, con l’uso di coccinelle antagoniste, ad oggi non ha invece evidenze né di studi scientifici, nè di sperimentazioni che abbiano dimostrato valida capacità di contrasto alla Toumeyella, per cui in attesa di studi e ricerche occorre piuttosto provvedere subito con la cura. Anche l’esperienza comunicata ufficialmente dai responsabili dei Giardini Vaticani chiarisce che l’uso della lotta biologica con coccinelle non ha dato risultati, diversamente dell’endoterapia che ha salvato i Pini dei Giardini Vaticani per il 90%.

Ora occorre agire in fretta e con efficacia, con grande professionalità, per l’applicazione della cura endoterapica approvata. Occorre che si dia corso urgentemente a un piano operativo di cura, eseguita correttamente e da operatori professionali esperti, pena l’inefficacia. In particolare, occorre la cura per il Lazio, nelle aree urbane, in particolare per Roma, gravemente colpita nel suo vasto patrimonio di Pini con circa 80% delle piante ammalate.

L’auspicio di Italia Nostra è che la Regione Lazio voglia sviluppare il massimo impegno sul piano  del presidio tecnico, e che Roma Capitale, proprietaria del più vasto patrimonio di Pini, voglia impegnare risorse e competenze nella cura. Inoltre, che gli altri Enti nonché i privati, tutti, si sentano coinvolti nell’urgenza di salvare i protagonisti del paesaggio italiano, degli scenari e skyline che tutto il mondo ci invidia.

 

***

DOCUMENTAZIONE UTILE

Cocciniglia tartaruga (Toumeyella parvicornis): un insetto che minaccia la sopravvivenza del pino domestico, Pinus pinea e l’integrità del nostro paesaggio urbano, rurale e forestale. Cronologia, caratteristiche ( a cura del dr forestale C. Mascioli)

Precisazioni in merito agli interventi di lotta al parassita del pino denominato cocciniglia tartaruga (Toumeyella parvicornis Cockerell) (a cura di dr forestale G. Cantiani)

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Decreto 3 giugno 2021

Misure fitosanitarie di emergenza ai fini del contrasto all’ organismo nocivo Toumeyella parvicornis  Cockerell)

G.U. n 173 del 21.07.2021

Regione Lazio, Delibera “Salva Pini”

Deliberazione 5 agosto 2021

DM 3 giugno 2021 misure fitosanitarie di emergenza ai fini del contrasto dello organismo nocivo Toumeyella parvicornis. Misure fitosanitarie di emergenza ai fini del contrasto dello organismo nocivo Toumeyella parvicornis . Delimitazione aree, adozione misure fitosanitarie obbligatorie e adozione del “Piano regionale relativo alle misure di contrasto all’ infestazione e alla diffusione dell‘organismo nocivo Toumayella parvicornis nel Lazio.”

Alcune immagini

(cliccare sopra per ingrandire e scaricare)

 

***

INVITO E PROGRAMMA CONFERENZA STAMPA

Dopo la Campania, ora il Lazio e Roma stanno perdendo giorno dopo giorno i Pini monumentali. Tutti i Pini di Villa Borghese, Villa Ada, Villa Pamphilj, Villa Glori, tutte le nostre ville e parchi, le nostre pinete litoranee come Castel Fusano, stanno morendo. La conferenza mira ad evidenziare la gravità dell’infestazione che rischia di distruggere i nostri pini e modificare per sempre il nostro paesaggio e ad approfondire le modalità di cura, sollecitando gli Enti alla cura urgente e massiva.

 

Conferenza stampa

Mercoledì 15 settembre, ore 11.30

Padiglione dell’Arancera, Orto Botanico

Largo Cristina di Svezia 23A

 

Saluto del Direttore dell’Orto Botanico, Prof. Fabio Attorre

Interventi di:

Dott.ssa Ebe Giacometti, Presidente Italia Nostra, L’iniziativa di IN nazionale e romana per salvare i Pini, per salvare il paesaggio italiano, per sollecitare gli Enti ad intervenire con la corretta cura endoterapica. No alla strage dei pini.

Prof.ssa Annalisa Cipriani, Vicepresidente Italia Nostra Sezione di Roma, Salviamo i Pini di Roma

Prof. Carlo Blasi, Presidente Fondazione per la Flora Italiana, L’importanza del Pinus pinea nell’ambiente urbano

Prof. Paolo Aldo Audisio, Sapienza, Dipartimento Biologia Ambientale, Aspetti relativi all’infestazione da Toumeyella parvicornis

Dott. Pio Federico Roversi, MIPAAF, Direttore del Centro di Ricerca Difesa e Certificazione C.R.E.A. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. Il decreto emergenziale, la sperimentazione. Le verifiche sulla cura. L’importanza di metodi di endoterapia corretti e di modalità di applicazione con ditte specializzate e di esperienza.

 

Presentazione del filmato sulle modalità di cura (gentilmente concesso da G.E.A. SNC Gestione Endoterapia Arborea)

Presentazione relativa ai fitofarmaci utilizzati (Vargas e Kestrel) per la cura endoterapica da parte delle società produttrici, Rotam e Nufarm, che hanno ottenuto le autorizzazioni del Ministero della Salute

Presentazione dell’esperienza di cura praticata dal MIC nei Giardini della Reggia di Caserta a cura della Direttrice Dott.ssa Tiziana Maffei

 

Regione Lazio e Servizio Fitosanitario Regionale, La delibera, il piano “Salva Pini”, le iniziative di cura

Roma Capitale, L’intervento di cura a Roma

 

Sono invitati ad intervenire Enti e soggetti direttamente coinvolti:

MITE, Presidente del Comitato per il Verde Urbano, Consigliere Massimiliano Atelli

Ordine degli Agronomi e Forestali

MiC Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma

MiC Parco del Colosseo

MiC Parco Archeologico dell’Appia Antica

INFO E NORMATIVE ANTI-COVID

La conferenza stampa si svolgerà presso il Padiglione dell’Arancera Orto Botanico

Largo Cristina di Svezia, 23 A

I posti disponibili nella Sala saranno 40 – Il parcheggio è riservato agli invitati

Sono obbligatori Green Pass e mascherina

ITALIA NOSTRA segnala che l’evento verrà registrato e che partecipando all’iniziativa si presta consenso alla registrazione audio-video della propria immagine e della propria voce.

ITALIA NOSTRA fa presente che potrà pubblicare ed utilizzare i contenuti e le riprese di cui sopra oppure le riprese prodotte in anticipo, audio, video e scritte, senza limiti alcuni, per scopi didattico-scientifici e istituzionali sui siti web dell’associazione e/o sui social media (YouTube, Facebook, Instagram, Twitter).

 

Contatti

Segreteria Scientifica: Arch. Mirella Di Giovine | T 331 3448034 | E digiovinemire@gmail.com

Ufficio Stampa: Dott.ssa Flavia Corsano | T 335 5344767 | E ufficiostampa@italianostra.org

 

SCARICA LA LOCANDINA/INVITO ALLA CONFERENZA STAMPA 2021 09 15

Leggi l’articolo:

https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/21_settembre_16/parassita-pini-comune-non-ha-speso-soldi-regione-898f40a8-1659-11ec-a86d-66613f8ffd7b.shtml

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra