Italia Nostra

Data: 11 Ottobre 2021

La villa medicea di Cafaggiolo patrimonio Unesco mortificata da un pesante degrado. Mariarita Signorini

 

Nei giorni scorsi intrappolata, come è oramai di norma, nel consueto imbuto che si crea all’altezza di Barberino sulla trafficatissima Autosole, sono uscita dal casello autostradale e ho imboccato la strada provinciale che costeggia il lago del Bilancino, una strada da cui si godono scorci straordinari e la dolcezza del paesaggio mugellano. Mi sono poi fermata davanti al Castello di Cafaggiolo, incuriosita da quei brandelli ormai laceri che svolazzavano dai ponteggi, che ne coprono da anni le impalcature; è stata l’occasione per scattare delle foto, che evidenziano lo stato di abbandono totale in cui versa la grande villa, già residenza di Lorenzo il Magnifico e della sua corte. 

Nel cartello affisso davanti all’edificio si legge, infatti, che i lavori di ristrutturazione del complesso monumentale dovevano partire il 2 ottobre 2017 e terminare dopo 270 giorni – quindi in meno di un anno.  Ma sono ormai passati 4 anni e il degrado del complesso è innegabile, solo il taglio dell’erba del giardino prospiciente il Castello indurrebbe a pensare che qualcuno provvede e tenta almeno di salvare le apparenze, ma se ci si avventura dietro, attraverso la piccola via laterale e accessibile, erbacce e rovi la fanno da podroni. 

La villa fa parte di un progetto turistico ricettivo di ben 425 camere, da realizzarsi all’interno della proprietà di 500 ettari. La variante urbanistica è stata approvata nel 2020 dai Comuni competenti di  Barberino, Scarperia e San Piero,  ma a oggi non c’è traccia della prevista convenzione tra la proprietà e gli Enti pubblici, per regolare l’utilizzo delle aree. Nel frattempo la villa con la Manica Lunga doveva e poteva essere restaurata. 

Forse l’imprenditore argentino Alfred Lowenstein, dopo l’acquisto della ex caserma Vittorio Veneto a Firenze in Costa San Giorgio, a due passi dal Ponte Vecchio, con vista mozzafiato sulla città, ha deciso che Cafaggiolo non è più una priorità e che può anche andare in rovina. A Firenze si prevedono infatti la realizzazione di 120 tra camere d’albergo, suite e appartamenti.

Lowenstein più che un filantropo e mecenate sembrerebbe essere un novello padrone della città e della campagna, che pur di raggiungere i propri scopi non disdegna di proporre le soluzioni più impattanti: a Firenze propose l’installazione dell’ascensore verticale e della funicolare orizzontale a cremagliera a servizio dell’albergo, nel Mugello lo spostamento della strada addirittura a sinistra del Fiume Sieve. Un intervento costoso a spese pubbliche che toglierebbe il bene UNESCO dalla vista dalla strada stessa, preteso a tutti costi dall’imprenditore che, evidentemente, si è rifiutato di prendere in considerazione uno spostamento della viabilità sulla destra del fiume Sieve, opera che risulterebbe meno impattante, di più breve realizzazione e meno dispendiosa. 

Mariarita Signorini, Italia Nostra Toscana

 

Per la foto in evidenza: foto di Massimiliano Galardi – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17042091

Per leggere l’articolo pubblicato su http://www.ilfilo.net

cliccare qui

Per leggere l’articolo uscito sulla cronaca di Firenze di Repubblica, cliccare sulle immagini sottostanti in corrispondenza di ciascuna immagine:

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra