Italia Nostra

Data: 18 Maggio 2018

Praia a Mare: la Discarica della Zaparia, un sito che merita attenzione

Terminata alla fine degli anni ’90, la discarica della Zaparia, rimasta attiva per pochi anni, è posta ad un’altitudine di mt.  441 ed è stata realizzata nella parte terminale e più scoscesa  della vallata della Zaparia proprio al centro dei versanti del monte Finocchio e Cancero, quasi alla confluenza del torrente che sfocia a mare a confine dei comuni di San Nicola Arcella e Praia a Mare.

La discarica, con l’accumulo di rifiuti  provenienti da vari  comuni,  ha assunto  oggi la forma rilevata di un colle che quasi  occlude la  valle. Come tutte le discariche di rifiuti solidi urbani, il Percolato prodotto dell’impianto della Zaparia è un refluo con un tenore più o meno elevato di inquinanti organici ed inorganici derivanti dai processi biologici e fisico-chimici prodotto all’interno della discarica. Il percolato rappresenta uno dei liquami più difficili da depurare. Le acque di percolazione sono state concentrate e raccolte nella parte bassa del settore di scarico. Il percolato verrebbe poi immesso in una vasca di raccolta situata all’esterno  dell’area di deposito.

La discarica della Zaparia sarebbe caratterizzata dal ricircolo del percolato nel corpo della discarica. Tale procedimento   consente di  ridurre  i costi del successivo smaltimento. Pare che tale discarica in fase di realizzazione  non prevedesse  la tecnica del ricircolo, che, introdotta successivamente, avrebbe completamente annullato i costi dello smaltimento del percolato.  La discarica della Zaparia sarà certamente dotata di un piano di sorveglianza e controllo post-chiusura  allo scopo di garantire che tutte le realizzazioni impiantistiche progettate assolvano ancora alle loro funzioni in tutte le condizioni previste; che vengano adottati tutti gli accorgimenti  per ridurre i rischi per l’ambiente; che venga assicurato un tempestivo intervento  in caso di imprevisti.

A tale riguardo, anche al fine di  contribuire ad  evitare il ripetersi di inconvenienti segnalatici,  vorremmo evidenziare  quanto di seguito si ritiene di esporre. L’efficienza dei sistemi di pompaggio del percolato e della discarica nel suo insieme  è essenziale per il suo corretto funzionamento. Il guasto di tali sistemi non rilevato tempestivamente e considerata anche la natura molto isolata del sito,  potrebbe determinare dispersione  di liquidi dalla discarica nell’ambiente circostante, con le conseguenze facilmente immaginabili. Istallare un sistema di tele segnalazione di eventuali guasti, se la discarica non ne è già dotata, potrebbe essere fondamentale oltre alla normale e corretta tenuta in efficienza degli apparati tecnici esterni che forse meriterebbero una migliore sistemazione.

Il muro in cemento armato trasversale alla vallata che sorregge in qualche modo la spinta verso il basso di tutto il materiale raccolto in discarica, presenterebbe per quanto è  possibile vedere,  una lesione  dove, lì ed altrove , si notano delle colature o infiltrazioni di liquidi presumibilmente provenienti dalla discarica. Tali liquidi fuoriescono all’esterno della discarica e potrebbero disperdendosi nel terreno antistante.

Poco più sotto del muro, forse a causa del dilavamento del terreno,  è emerso un fronte di rifiuti al di fuori della discarica, cosa che francamente non ci saremmo aspettati. Non conosciamo la estensione di tale deposito, del perché si trovino in quel  luogo e da quando, se autorizzati o meno,  né conosciamo gli effetti prodotti da tali rifiuti   sul terreno intorno ed a valle della discarica  e sulle acque meteoriche che l’attraversano e che vengono  convogliate nel vallone Fiuzzi. Inoltre è un sito non recintato , dove normalmente pascolano liberamente animali da carne e latte con possibile interferenza con la catena alimentare. Ispezionare il  sito, verificare la qualità del terreno circostante anche per la presenza di pozzanghere al di sotto della discarica ed assumere eventuali misure di messa in sicurezza ci sembra il minimo che si possa richiedere.

Italia Nostra Alto Tirreno Cosentino

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra