Italia Nostra

Legge di governo del territorio della Campania, via al consumo di suolo

24 Aprile 2024
 
Con l’approvazione di ieri (23 aprile 2024) in consiglio regionale della Ddl di “Modifiche alla Legge Regionale 22 dicembre 2004, n. 16 recante Norme sul Governo del Territorio” ai sensi della delibera di Giunta Regionale n. 369 del 19 giugno 2023, Reg.Gen. 313, la Giunta De Luca consegna il territorio della regione Campania più in generale, ma i grandi centri urbani più specificatamente, agli interventi di speculazione edilizia che molti Stakeholder, sia pubblici che privati, aspettavano da tempo e con impazienza.
 
La spacciano come una moderna e partecipata legge di governo del territorio quando in realtà di moderno e partecipato non ha nulla. Non guarda agli obiettivi di sviluppo ecosostenibile dell’Agenda 2030, non preserva il suolo, che sia nel perimetro urbano o in quello agricolo, non tutela le fasce costiere e ancor meno quelle interne, non tutela il costruito, utilizza lo scambio delle premialità come moneta urbanistica per alcuni specifici interessi e addirittura usa lo scambio dei sottotetti per l’astensione del centro destra in consiglio regionale.
 
Si, oggi in Campania, in una sede istituzionale, quella del Consiglio regionale, si è consumata forse una delle peggiori pagine dell’utilizzo del mandato democratico per un’operazione che a ben vedere, da una lettura attenta della legge, non ha nessun aspetto di tutela del territorio e dei suoi cittadini.
 
Cosa potrà produrre l’incentivo di premialità negli interventi di rigenerazione (?), molto opinabile la loro concezione di Rigenerazione urbana, tra loro non vi è alcuna differenza tra un intervento fatto nella città di Napoli e quello di un piccolo paesino delle aree interne? Dove andrà ad investire l’imprenditore? La risposta è presto data. Il comune di Napoli farà il resto? Così le aree interne continueranno a svuotarsi, spopolarsi ed essere sempre più paesi fantasma e le aree urbane, già troppo stressate, saranno ancora probabilmente più cementificate, aperte a flussi di turisti piuttosto che fruite dai cittadini residenti. Si apre una nuova stagione di cementificazione, di maggiore consumo di suolo, di espulsione dei cittadini dai grandi centri urbani, di invivibilità delle grandi città.
 
Veramente pensate che la regione sarà economicamente più forte solo con più turisti?
Veramente pensate che gli imprenditori/investitori risolveranno i problemi legati alla mobilità, all’abitare, allo studio dei nostri ragazzi, alla vivibilità delle nostre città, alle specifiche problematiche del territorio, vedi i dissesti idrogeologici delle aree interne, delle isole e quello che determinerà l‘aumento del livello dei mari?
Veramente pensate che l’intervento dei grandi interessi che ruotano intorno alle speculazioni edilizie e fondiarie sono il futuro di questa regione? Veramente pensate che con questa legge siete in grado di rispondere a vecchi e nuovi bisogni della popolazione, vecchi, giovani e anziani?
 
Beh, se così è, allora è giusto che il tavolo tanto richiesto dalla società civile, non lo abbiate convocato, perché abbiamo un’idea di governo del territorio, di benessere e migliore condizione di vita della popolazione e un’idea del futuro completamente diverse.
 
La nostra è un’idea diversa di utilizzo della rigenerazione urbana a partire dagli spazi costruiti e di una diversa loro destinazione, a servizio dei cittadini, delle imprese, rispettosa dell’ambiente, di una città più vivibile, migliore, per le nuove e future generazioni, che dia risposte alle tante fragilità sociali e territoriali che rendono difficile l’accesso ai servizi essenziali dei cittadini.
Il vostro concetto? Declinatelo voi, conoscerete sicuramente gli opportuni termini che a noi risultano sconosciuti.
 
 
ADA Donne Architetto Napoli – A.N.F.S.U. (Associazione nazionale di filosofia e scienze umane) – A.N.T.A.R.E.S. – AIR, Architetti in Rete – ARCI Campania – Ass. Amici di Ideacittà – Ass. Marco Mascagna – Associazione Percorsi Napoletani – CGIL Campania – Casartigiani Campania – CIA Campania – Confartigianato – CNA Costruzioni Campania – FIAB Campania – Fillea CGIL Campania – FLAI CGIL Campania – Gente GREEN – Gentle Green Events – Italia Nostra – Legambiente –
MaiPiùAmianto – Nu.Ri.Ge. Nuove Ri-Generazioni – P&S Legacoop Campania – RETE Set – Rete
Sociale No Box – Rigenera Campania – SPI CGIL Campania – UDU – VAS -WWF Italia
 

I rappresentanti di gran parte delle 30 associazioni culturali , ambientaliste, sindacali e di categoria, e comitati

 
 
 
 

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy