Italia Nostra

Data: 14 Giugno 2012

Milano, in difesa del Parco Sud

Un invito per venerdì 15 giugno, ore 10.30, davanti alla Provincia, via Vivaio 1.

Continuano le agressioni al Parco Sud. Ma noi non ci stiamo!

Un piccolo, ma significativo episodio che ci ha molto colpiti in questi ultimi giorni è l’abbattimento dei filari secolari di pioppi cipressini che costeggiano la Tenuta Invernizzi di Trenzanesio, uno dei luoghi più incantevoli della campagna del Milanese lungo la Rivoltana. Motivo? L’allargamento dei calibri della Cassanese e della Rivoltana impongono questi sbancamenti che cancellano secoli di storia e di paesaggio. Appena ci siamo accorti di questo “omicidio di paesaggio” abbiamo allertato le autorità e la Soprintendenza. Servirà a qualcosa? Ci dicono che è troppo tardi, tutti peraltro avevano già dato – incredibilmente – il loro benestare, a partire dalla Fondazione Invernizzi. Ma non è mai troppo tardi, se noi non ci stiamo.

Allargano le strade tagliando alberi secolari e ledendo un bene monumentale come il parco di Villa Invernizzi. Come se non bastasse, nel Comune di Vignate, vogliono cancellare 100mila metri quadrati di terreni agricoli per l’ampliamento del polo logistico della Sogemar. Era successo qualche settimana fa la stessa cosa a Rosate, sempre nel Parco Sud. Tutti a parole vogliono fermare il consumo di suolo, vogliono difendere l’agricoltura. Poi, appena ti distrai, la ricoprono d’asfalto per far posto a strade e capannoni, e ti dicono che ormai è troppo tardi. Ma non è mai troppo tardi, se noi non ci stiamo.

Ancora a proposito di strade. L’11 giugno c’è stato un convegno/inaugurazione (non si sa bene cosa) della Tangenziale Esterna Milanese (TEM), non bastava una tangenziale! Ne fanno un’altra che soffoca con un lungo cappio d’asfalto un altro lembo di campagna, da Melegnano ad Agrate Brianza. Sarà lunga 32 chilometri e attraverserà tre province: Lodi, Milano e Monza. L’hanno approvata e pare non ci sia più nulla da fare, ormai è troppo tardi, ci dicono. Ma non è mai troppo tardi, se noi non ci stiamo.

E noi non ci stiamo.

Per questo ti invitiamo a unirti a noi venerdì 15 giugno, alle ore 10,30 davanti alla sede della Provincia di Milano in via Vivaio, dove si riuniscono i sindaci dei 61 Comuni del Parco Sud. Siete tutti invitati a presentarvi con una fascia nera al braccio in segno di “lutto” nei confronti degli alberi di Villa Invernizzi e con un fiore che depositeremo in loro ricordo. Facciamo arrivare in quelle stanze la nostra voce. Noi non vogliamo altre strade, altro traffico, altra falsa crescita.

Noi vogliamo verde, aria pulita e agricoltura. Non ci importa se tutte le carte hanno i bolli e le firme necessarie.

Perché se noi non ci stiamo, tutto è ancora possibile.

Non ci fermeremo. Non ci fermeranno.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra