Italia Nostra

Data: 4 Luglio 2013

Grande spettacolo a Fermo per la XV ed. di “Serata in Stazione”

Grande festa alla Scalinata di Santa Lucia per la XV edizione di Serata in Stazione. Ben riuscito lo spettacolo organizzato sabato scorso da Italia Nostra. Tradizioni e folklore per recuperare la vecchia stazione con il vicino chiosco

Va in archivio con un bilancio più che positivo la XV edizione di “Serata in Stazione”, spettacolo folkloristico organizzato sabato scorso dalla sezione fermana di Italia Nostra. Si sono ritrovati in tanti, oltre 200, nonostante l’aria frizzante, alla Scalinata Ernesto Besenzanica, per sostenere il recupero della vecchia stazione di Santa Lucia con il caratteristico chiosco e di tutta l’area ferroviaria. Associati, personalità e autorità hanno potuto assistere alla rievocazione delle tradizioni campagnole con il gruppo folkloristico “Canterini e Danzerini Romagnoli “T. Baruzzi” di Imola, composto da oltre 40 elementi, tra cui diversi giovani. Molto simpatica la presentazione dei lavori agricoli di una volta e, non poteva mancare, gran finale con “Romagna mia”. Divertenti, come sempre, le poesie ed i testi degli attori Elvira Parlatoni, Angelo Ciuccarelli e Franco Ciucani, protagonisti indiscussi della Filodrammatica dialettale “Firmum”.

Al termine dello spettacolo il presidente di Italia Nostra Elvezio Serena ha ringraziato il responsabile del gruppo romagnolo Marco Mingotti con la pubblicazione “Sopra le Tegole” del consigliere Anna Rita Principi e, rimanendo in tema di tradizioni, con il volume sulla Cavalcata dell’Assunta di Fermo. Il presidente imolese ha donato il volume che i Canterini e Danzerini romagnoli hanno realizzato nel 2002 in occasione dei 75 anni di attività. Il gruppo, quindi, fondato nel 1927, è il più antico che si è esibito a Santa Lucia, dato che quello di Castelraimondo (il primo nelle Marche), che ha partecipato qualche anno fa, risale al 1932. Tra i presenti gli assessori comunali fermani Manuela Marchetti (turismo), Daniele Fortuna (mobilità), Elmo Tappatà (ambiente) e Francesco Trasatti (cultura), mentre la Provincia di Fermo era rappresentata dall’assessore alla Cultura Giuseppe Buondonno. In platea anche il vice sindaco di Campofilone Stelio Cannella, che ha apprezzato molto l’intero programma della serata. Prima dello spettacolo alcuni componenti del gruppo hanno voluto visitare il centro storico della città, fino a piazza del Popolo, rimanendone affascinati e, vista la vicinanza, il M.I.T.I, Museo dell’Innovazione e della Tecnica Industriale nelle antiche officine del Montani, che ha destato loro un notevole interesse.

La manifestazione è stata realizzata in collaborazione con il CSV Marche e il Comune di Fermo, con il Patrocinio del Comune stesso (che l’ha inserita nel programma estivo), della Provincia di Fermo, della Regione Marche, della STEAT, del Sistema Turistico Locale “Marca Fermana” e dell’UNPLI-Comitato delle Province di Ascoli e di Fermo, e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo.

Un particolare ringraziamento anche alla Croce Verde di Fermo, alla ditta Lucci di Fermo, alla Filodrammatica dialettale “Firmum” e alla contrada “Campolege”.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra