Italia Nostra

Data: 5 Dicembre 2013

“La città dei cittadini”: è partita la nuova iniziativa di Ancona

E’ partita la nuova iniziativa della Sezione di Ancona “La città dei cittadini” con una rubrica curata da Gabrio Orlandi su facebook “Eventi Italia Nostra Ancona”. Potete leggere tutti gli aggiornamenti anche sul sito “italianostra – ancona.org” e inviare  pareri e proposte per posta elettronica all’indirizzo: ancona@italianostra.org

Desideriamo dare voce ai nostri soci – anche a quelli che non usano Facebook – perché facciano conoscere, come gli altri cittadini di Ancona, il loro punto di vista sui luoghi della città che meglio conoscono – magari perché ci abitano – in modo da rendere possibile una più consapevole e incisiva azione d’intervento, con iniziative varie, sui temi di nostra competenza. Questo in quanto ITALIA NOSTRA – come scritto nel documento “La città dei cittadini” presentato in occasione della recente elezione comunale –  sostiene la necessità della partecipazione diretta alla vita della città attraverso spazi di aperta discussione con i cittadini interessati, in particolare sui temi riguardanti l’uso del territorio, il patrimonio culturale e la vita pubblica cittadina.

Intendiamo in particolare scambiare pareri e proposte riguardanti lo stato di tali luoghi e la qualità del viverci, in riferimento per esempio all’ambiente, alla viabilità, al decoro, alle relazioni sociali, alla dotazione di servizi, al paesaggio, ecc. Certamente sono interessanti anche i vostri pareri riguardo a monumenti, piazze e siti di valore storico e architettonico. Per dare un ordine a questa ‘rubrica’ preferiamo concentrare inizialmente l’attenzione su una sola area della città, ponendosi un duplice obiettivo: verificare lo stato di quell’area – quindi le sue qualità, le sue carenze e potenzialità – e prospettare possibili  miglioramenti e idee per la valorizzazione dei luoghi entro quell’area.

Si propone l’area compresa tra Corso Mazzini e il Parco del Cardeto e da via Goito  all’ex Umberto I.

La scelta di quest’area risponde tra l’altro all’esigenza di puntare i riflettori su una zona ai margini del centro storico propriamente detto, che pur comprendendo strutture e luoghi di notevolissimo valore come Piazza delle Erbe, la Facoltà di Economia (ex Caserma Villarey) e il Parco del Cardeto – tuttavia mostra diversi segni di decadenza o di mancata valorizzazione (vedi Via Matteotti e Piazza delle Erbe ma anche il Parco del Cardeto) ed invece dovrebbe costituire un’area, longitudinale rispetto ai corsi principali, di notevole interesse e di sviluppo per l’intera città.

L’area prescelta – che è parte dell’ampia area storica (individuata nel PRG con il codice ZTO 3), d’impianto ottocentesco, è anche quella che ha perso più residenti nell’ambito del centro storico, con una caduta progressiva dal 2004^ (anno dal quale l’andamento del ripopolamento del centro storico si va stabilizzando  con la disponibilità delle ristrutturazioni immobiliari seguenti gli eventi sismici del 1972) al 2007 pari a -1,4%; dal 2007 al 2009 di -2,7%; e dal 2009 al 2010 di -1,9%; passando dunque complessivamente  nel periodo 2004-2010 da 2922 a 2752 residenti; questa è stata anche la peggiore performance nell’ambito della cosiddetta Prima Ancona nel periodo considerato.

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra