Italia Nostra

Data: 3 Giugno 2013

L’odissea della pala errante di Jacopo Siculo

È esposta a Norcia nella sala dell’Auditorium di S. Francesco una pregevole opera del pittore Jacopo Siculo di straordinaria bellezza e monumentalità, capolavoro tra i più significativi del Rinascimento umbro: è una pala d’altare che rappresenta l’INCORONAZIONE DELLA VERGINE, il pittore la dipinse dal 1539 al 1541 per i frati francescani della chiesa dell’Annunziata, che non esiste più.

Le sue peregrinazioni sono state molteplici già all’indomani dell’Unità d’Italia con la soppressione del convento dell’Annunziata, in parte anche per le sue enormi dimensioni (448×262 cm la sola tavola centinata, senza quindi contare cornice, basamento, ecc.), per le quali risultava difficile trovarle una collocazione idonea. Soltanto nel ‘900 fu spostata varie volte:

  • nel 1907, smontata e separata dalla cornice, dalla predella e dai plinti, ma pur sempre ingombrante, fu esposta nella chiesa di S. Benedetto in Norcia;
  • fu rimossa però, per ordine del Sovrintendente, e trasferita nel Palazzo Comunale;
  • nel 1952, a seguito dell’incendio che distrusse il teatro civico, attiguo al Palazzo Comunale, rimase in deposito nella chiesa della Misericordia per vari anni;
  • fu poi riportata nel Palazzo Comunale e collocata nella Sala del Consiglio Maggiore;
  • in conseguenza del terremoto del 1979, dovette essere di nuovo rimossa, venne portata a Spoleto, dove nel 1984 fu restaurata e riunita alla cornice e alla predella;
  • dopo 25 anni d’esilio, nel 2005 grazie all’interessamento dell’Associazione culturale “Una mostra, un restauro”, poté tornare a Norcia dove la scelta della sede fatta dalla Soprintendenza cadde sulla sala dell’Auditorium di S. Francesco, costituendo così memoria tangibile e leggibile della presenza francescana a Norcia.

Attualmente l’Amministrazione Comunale di Norcia vorrebbe trasferirla (di nuovo!) alla Basilica di S. Benedetto, ma il Presidente dell’Associazione “Una mostra, un restauro” è seriamente preoccupato per questo ennesimo spostamento: per più motivi: la Basilica è più piccola della sala dell’Auditorium, è inquinata dai fumi delle candele, dei lumini e dell’incenso, da un circolo d’aria polverosa proveniente dalla zona archeologica della basilica che metterebbero in serio pericolo la conservazione della pala, per di più i rischi dovuti al trasferimento potrebbero danneggiare gravemente l’opera d’arte.

La Sezione Valnerina di Italia Nostra condivide l’apprensione dell’Associazione “Una mostra, un restauro” e chiede all’Amministrazione Comunale di Norcia di non trasferire l’INCORONAZIONE DELLA VERGINE di Jacopo Siculo dalla sede dell’Auditorium di S. Francesco.

________________________________________________________________________________

Per approfondimenti:

Leggi l’articolo “Prosegue l’odissea della pala errante di Jacopo Siculo” (vai all’articolo)

Leggi le pagine sul Monastero San Francesco, tratte dal volume “Norcia – Guida” di Romano Cordella (vai al documento)

Leggi le pagine tratte da “Jacopo Siculo” di Antonino Giuseppe Marchese – ed. Ila Palma (vai al documento)

Per chi desiderasse ulteriormente approfondire la storia della Pala, le sue raffigurazioni e sapere tutto sul restauro curato dalla Soprintendenza, si consiglia la lettura di: “Jacopo Siculo, l’incoronazione di Norcia” (catalogo della mostra: Spoleto, ex chiesa di S. Agata – 30 giugno-29 luglio 1984) – Multigrafica Editrice

Ci daresti una mano?

Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 65 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese.

Italia Nostra